Sport: Gibelli, Eyof 2023 come palestra per GO!2025

Sabato 1 Ottobre 2022
Pordenone, 1 ott - "La Regione sta lavorando da tempo e bene per Eyof 2023, il grande Festival olimpico europeo che tra poco più di cento giorni vedrà diverse località della nostra montagna, ma in realtà l'intera regione, impegnate per ospitare i molti atleti e migliaia di turisti che arriveranno per assistere alle gare sportive invernali. Un evento decisivo, vista la sua portata, che a noi servirà anche come palestra, dal punto di vista logistico e organizzativo, per Nova Gorica-Gorizia Capitale europea della cultura 2025, la più importante manifestazione-evento che durerà un anno intero e alla quale stiamo già lavorando". Ad affermarlo l'assessore regionale alla Cultura e allo Sport Tiziana Gibelli intervenendo questa mattina al convegno "Eyof 2023 e Milano Cortina 2026: l'apporto dell'Istituto per il credito sportivo per il sostegno allo sport e alla cultura" organizzato nell'ambito della sedicesima edizione degli Incontri con l'editoria religiosa "Ascoltare, leggere e crescere" in corso a Pordenone. "La programmazione e lo svolgimento di Eyof 2023 - ha precisato l'assessore - saranno molto importanti per capire la capacità organizzativa e la gestione di importanti flussi di turismo negli stessi luoghi che tra due anni saranno coinvolti nel grande evento regionale legato proprio a GO!2025. Saranno un po' le prove generali che ci consentiranno valutazioni organizzative per evitare errori proprio in vista del cruciale appuntamento del 2025". Eyof 2023, il XVI Festival Olimpico Invernale della Gioventù Europea è in programma dal 21 al 28 gennaio del prossimo anno: otto giorni di gare nelle località e nei poli sportivi del Friuli Venezia Giulia per promettenti giovani atleti europei che si sfideranno oltre che sul territorio regionale anche nei vicini paesi dell'Austria (Spittal) e della Slovenia (Planica). Si tratta infatti di una manifestazione sportiva transfrontaliera: vedrà la partecipazione di 47 nazioni, oltre 1400 atleti dai 14 ai 18 anni e migliaia di visitatori stimati per una importante ricaduta sul fronte delle presenze turistiche nei centri della nostra regione. L'evento sportivo internazionale ha il sostegno della Regione, oltre che del Coni e del Dipartimento delle politiche giovanili. Molte sono le attività - come è stato spiegato nel convegno di questa mattina - messe in campo dal Credito sportivo italiano per accedere a crediti agevolati da parte degli enti che partecipano alla realizzazione degli eventi come Eyof e Cortina-Milano 2026. "Ma dallo sport, in particolare quando protagonisti sono i giovani, è bene che arrivino anche dei messaggi importanti. Credo - ha sottolineato l'assessore Gibelli - che la politica debba rimanere sempre fuori dalle competizioni e dallo sport. Ma ritengo anche che da occasioni come il Festival olimpico degli sport invernali possano giungere dei messaggi di sostenibilità. E in questo senso, anche in un momento in cui la nostra attenzione è concentrata sulla guerra in Ucraina, è doveroso ricordare che ci sono ancora situazioni, come per esempio quelle delle donne iraniane costrette a praticare sport con il velo o escluse da alcune competizioni o avvenimenti sportivi, in cui la libertà è ancora negata. Un messaggio - ha concluso l'esponente della Giunta regionale - che credo possa essere veicolato dai campioni sportivi di ieri, di oggi e di domani. E anche dai giovani campioni che nel prossimo mese di gennaio gareggeranno agli Eyof del Friuli Venezia Giulia". ARC/LIS/gg
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci