Salute: Asufc e ospedale Udine eccellenze per Fvg e per l'Italia

Venerdì 31 Marzo 2023
Oggi la visita dei ministro dell'Università e della Ricerca al presidio ospedaliero Santa Maria della Misericordia

Udine, 31 mar - L'eccellenza dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale, unita alle grandi competenze e alle straordinarie capacità dei professionisti della salute e di tutto il personale che la compone, si pone come un modello di riferimento per un cambiamento che deve essere necessariamente attuato nel sistema sanitario nazionale per continuare a garantire al cittadino il diritto alla salute sancito costituzionalmente, nei migliori termini di appropriatezza ed efficacia. Per questo la piena sinergia tra la Regione e il Governo centrale è fondamentale.

Questi, in sintesi, i concetti espressi dal vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia che, oggi pomeriggio, ha accompagnato il ministro dell'Università e della Ricerca in visita al presidio ospedaliero Santa Maria della Misericordia di Udine, insieme al sottosegretario di Stato al ministero dell'Economia e delle Finanze, al direttore generale dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale (Asufc), ad alcuni direttori di dipartimento e professionisti della salute, e al prefetto di Udine. È intervenuto anche il rettore dell'Università di Udine.

Nel complimentarsi con i professionisti della salute e con i ricercatori del Fvg per la grande valenza dei loro risultati e per il loro costante impegno, il ministro dell'Università e della Ricerca ha concordato rispetto alla necessità espressa dal vicegovernatore di rivedere le modalità di accesso ai corsi universitari per medicina-chirurgia, all'impiego degli specializzandi e alla revisione all'accesso alle scuole di specializzazione. Il tutto in un'ottica che guarda all'esigenza impellente di investire in forma straordinaria, subito, sul capitale umano, per affrontare le difficoltà e le tensioni che caratterizzano oggi la sanità in Friuli Venezia Giulia così come in tutto il resto dell'Italia.

Al ministro è stato illustrato il progetto per la creazione di una unica biobanca regionale, è stata illustrata l'attività del dipartimento di Medicina di laboratorio e quella dell'Oncologia di precisione, con successive visite al padiglione 5 che ospita il "Centro di addestramento e alta formazione", e al dipartimento Testa-collo e Neuroscienze con la presentazione dei progetti Miur sull'umanizzazione delle cure.

L'Asufc è nata il primo gennaio del 2020 e aggrega tre precedenti enti, svolgendo funzioni integrate di assistenza ospedaliera, assistenza territoriale, didattica e ricerca. Conta 7 dipartimenti funzionali, 13 dipartimenti strutturali, 9 dipartimenti strutturali ad attività integrata, 137 strutture operative complesse, 23 strutture operative complesse dirette da personale dell'Università di Udine, 40 strutture operative semplici dipartimentali, 9 distretti (Carnia, Gemonese/Canal del ferro-Val Canale, Collinare, Medio Friuli, Torre, Natisone, Friuli Centrale, Agro Aquileiese, Riviera Bassa Friulana).

Comprende 4 presidi ospedalieri su 7 sedi: oltre al Santa Maria della Misericordia di Udine, conta i presidi di base di San Daniele del Friuli e Tolmezzo, quelli di Latisana e Palmanova, l'Istituto di medicina e fisica riabilitativa Gervasutta di Udine e il presidio di Gemona. Conta complessivamente 1744 posti letto (di cui 1573 ordinari e 171 per day hospital), 55 sale operatorie più 6 sale parto; oltre 58.000 i ricoveri all'anno. Il bacino di utenza conta più di 500.000 cittadini. Il valore della produzione ammonta a oltre 1,3 milioni di euro (da bilancio consuntivo 2021); 8.825 i dipendenti al 31 dicembre 2021 esclusa Poa; 75 i profili professionali, 5 le aree contrattuali, 21 le scuole di specializzazione, 550 gli specializzandi.

Si aggira attorno ai 10-15 milioni di euro la somma che ruota attorno al mondo della ricerca e di 1,5 milioni quella che ruota attorno alle sperimentazioni. In ambito ricerca e sperimentazioni, con fondi di 1 milione di euro della Regione, di Asufc e Ateneo di Udine, è attivo il progetto "Glioma" per traslazione e sviluppo pre-clinico di strategie terapeutiche innovative e predittive per l'ottimizzazione del trattamento dei tumori cerebrali. Quasi 5 milioni di euro sono impiegati per il supporto alla diagnosi di malattie rare tramite l'intelligenza artificiale. Altri ambiti di ricerca e sperimentazioni riguardano progetti del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie, ricerca finalizzata, welfare, Telethon, Aifa con un coinvolgimento anche di altri enti regionali per un budget superiore al milione di euro. Sempre per le sperimentazioni, il fatturato medio annuo è di 1,5 milioni di euro, con 550 studi no profit di cui 80 attivati nel 2022, e 150 studi profit di cui 40 attivati nel 2022. ARC/PT/pph

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci