Pnrr: Zilli, rafforzare spirito unitario di tavolo terza ripartenza

Lunedì 29 Novembre 2021


Trieste, 29 nov - "Una sfida importante e strategica come quella dei Piano nazionale di ripresa e resilienza impone a tutti di assicurare un'unità di intenti e di obiettivi - quelli condivisi nel tavolo della terza ripartenza - finalizzati a rendere il più autorevole possibile la posizione della Regione nei confronti dello Stato, al cospetto di un'opportunità storica di rilancio economico e sociale del Friuli Venezia Giulia. Una visione che delinei quello che dovrà essere la nostra regione nei prossimi decenni".

Lo ha detto oggi l'assessore regionale alle Finanze del Friuli Venezia Giulia, Barbara Zilli, a margine del dibattito in sede di Consiglio regionale sulla mozione respinta dalla maggioranza avente per argomento il coinvolgimento dell'Aula nella declinazione del Pnrr.

L'assessore ha sottolineato come sia auspicabile un rafforzamento della collaborazione istituzionale tra Regioni e Governo, come ha indicato il presidente della Conferenza delle Regioni, il governatore Massimiliano Fedriga. "A tal riguardo va riconosciuto che con l'Esecutivo recentemente si è instaurato un dialogo più costruttivo".

Zilli ha anche ricordato i 26 esperti che saranno a disposizione dell'Amministrazione regionale "a supporto delle direzioni e degli enti locali per le procedure complesse", mentre ammonta a 8 milioni di euro l'assegnazione al Friuli Venezia Giulia per le consulenze.

L'assessore ha poi ripreso l'appello del governatore Fedriga, in qualità di presidente della Conferenza delle Regioni, affinché venga convocata la cabina di regia dove gli enti territoriali e le Regioni possano trovare un ruolo da protagonisti nella messa a terra delle scelte.

"Da parte della Regione - ha aggiunto Zilli - è stato creato un rapporto con Anci Fvg affinché i Comuni non vadano avanti da soli nelle richieste al Governo".

"Sono fiduciosa quindi - ha concluso Zilli- che superata la Legge finanziaria il Governo darà ascolto all'appello del presidente della Conferenza delle Regioni, coinvolgendo le Amministrazioni regionali che, assieme agli enti territoriali, devono essere protagoniste della ripresa". ARC/GG/ma

© RIPRODUZIONE RISERVATA