Morte Cimolai: Bini, incarnava le migliori virtù della nostra terra

Lunedì 3 Ottobre 2022
Udine, 3 ott - "Il Friuli Venezia Giulia perde uno dei più straordinari imprenditori del nostro tempo, Armando Cimolai. Nel 1949, partendo da Pordenone, Cimolai si lanciò con coraggio in un'avventura pionieristica, sostenuto dall'amata moglie Albina. Aveva solo vent'anni, ma riuscì a dare vita a un colosso delle costruzioni in metallo, che oggi opera in più di 60 paesi e coinvolge 3mila dipendenti". È il ricordo che l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini ha tracciato all'indomani della scomparsa di Armando Cimolai, spentosi ieri all'età di 94 anni. "Cimolai incarnava le migliori virtù della nostra terra: il saper fare e l'ingegno artigiano, il talento imprenditoriale e la grande dedizione per il lavoro. Grazie a queste qualità la sua azienda e il suo cognome sono diventati nel mondo sinonimo di eccellenza, contribuendo a far conoscere il Friuli Venezia Giulia e le sue maestranze a livello internazionale. Più di tutto, però - ha evidenziato ancora con stima e affetto Bini -, vorrei fossero ricordate le qualità umane di Armando Cimolai, che ho più volte avuto occasione di sperimentare, incontrandolo e conoscendolo di persona. È stato un esempio per un'intera generazione di imprenditori e sono certo che la sua storia continuerà ad ispirare i giovani d'oggi. Alla sua famiglia e a tutto il gruppo vanno le più sentite condoglianze". ARC/SSA/pph

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci