Minoranze: Roberti, giornale in lingua friulana è offerta che mancava

Venerdì 25 Novembre 2022
Minoranze: Roberti, giornale in lingua friulana è offerta che mancava
Assessore a presentazione primo numero settimanale cartaceo "la Vôs dai Furlans" Udine, 25 nov - "Per la diffusione e promozione della lingua friulana il tema dell'informazione giornalistica è centrale: una comunità ha bisogno di vedere corrisposto questo servizio, perché è il modo più diretto per avere un approccio con una lingua nella quotidianità. La Regione ha finanziato con 100 mila euro per un triennio un bando gestito da Arlef e oggi riempie d'orgoglio tenere a battesimo una nuova iniziativa editoriale tutta in friulano". Lo ha sottolineato l'assessore regionale alle Lingue minoritarie Pierpaolo Roberti, alla presentazione del settimanale "la Vôs dai Furlans" i cui dettagli sono stati illustrati dall'amministratore e direttore editoriale Alfonso Di Leva e dal direttore responsabile Rossano Cattivello. All'appuntamento era presente anche il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin. All'offerta di un telegiornale in friulano trasmesso dall'emittente del gruppo, che ha riscontrato fin dal suo esordio un anno e mezzo fa grande successo di audience, si aggiunge l'aggiornamento quotidiano del sito con notizie ultim'ora e ora anche uno strumento informativo che scommette sulla carta stampata. Il settimanale uscirà in abbinamento a "Il Friuli" a un prezzo di vendita di 1,50 euro. Roberti ha salutato con grande favore una realtà imprenditoriale che ha deciso di partire con una striscia di informazione televisiva e che, rendendosi conto della richiesta da parte del pubblico, ha maturato la consapevolezza che sia non solo sostenibile ma anche conveniente ampliare quell'offerta. A tal proposito l'assessore ha auspicato che, confermato il sostegno dell'amministrazione regionale, alla fine del triennio "si arrivi al termine di questo percorso con un giornale che venda e vada a gonfie vele procedendo senza sostegno pubblico. E' un augurio che faccio di cuore - ha aggiunto - perché vorrà dire che la risposta sarà stata anche superiore alle aspettative". Nel rimarcare come questa sia "una prima volta" che si affianca alle tante altre a cui l'amministrazione regionale ha contribuito in questi anni - dal Teatro stabile friulano, alla cartellonistica stradale, fino a qualche passo in avanti nella Convenzione Stato-Rai -, Roberti ha definito il progetto come "un percorso che fa capire quanto questa regione abbia le opportunità per crescere sotto tutti i punti di vista, perché quando riusciamo a lavorare tutti quanti insieme, a prescindere dai ruoli e dalle appartenenze, anche politiche, portiamo a casa risultati decisivi". Un esempio di percorso condiviso - è stato citato - è stato recentemente anche il Piano regionale di politica linguistica, redatto da Arlef: si è trattato, ha rimarcato Roberti, di un percorso che ha visto approvare all'unanimità tutte le proposte da parte della Giunta per mettere molte risorse a beneficio della promozione della lingua sul territorio. ARC/EP/al
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci