Cultura-Sport: Gibelli, bando Ripartenza è innovativo e trasversale

Venerdì 11 Giugno 2021
Trieste, 11 giu - "Sport e Cultura adesso possono ricominciare con più convinzione rispetto quanto avvenuto lo scorso anno grazie ai risultati della campagna vaccinale che sono sotto gli occhi di tutti. Il bando Ripartenza è uno strumento innovativo e trasversale che consente agli operatori di questi settori di fare programmazione e guardare avanti con fiducia".

Lo ha affermato oggi l'assessore alla Cultura e Sport, Tiziana Gibelli, in apertura del webinar dedicato alla presentazione del bando Ripartenza Cultura e Sport.

"Voglio ringraziare pubblicamente tutte le persone della Direzione centrale Cultura e Sport che hanno lavorato a questo bando, non solo nuovo perché innovativo ma complesso per target e fattispecie diverse - ha sottolineato Gibelli - ed è grazie a loro che credo potremo fare qualcosa di utile anche per categorie molto colpite dalla pandemia che finora non hanno avuto accesso alle forme di sostegno o che l'hanno avuto in modo assai contenuto".

"Il bando è stato costruito per dare risalto al merito, mettendo al centro progettualità e contenuti, ma considerando anche le capacità di coinvolgimento lavorativo, perché uno dei suoi obbiettivi - ha aggiunto l'assessore - è offrire opportunità di lavoro a chi non ne ha avute nel corso dell'ultimo anno causa pandemia".

L'Amministrazione regionale, in attuazione dell'articolo 3 della legge regionale 2/2021, ha emanato infatti il bando Ripartenza Cultura e Sport per rilanciare le attività culturali e sportive e di gestione dei beni del patrimonio culturale, fortemente penalizzate dai provvedimenti di restrizione o chiusura derivanti dall'emergenza epidemiologica.

Con una dotazione complessiva di 2,5 milioni di euro, questo strumento concederà incentivi - da un minimo di 50mila euro fino a un massimo di 100mila euro - a favore di progetti consistenti in produzione, organizzazione, realizzazione e promozione di eventi, manifestazioni, festival, stagioni o rassegne nel settore dello spettacolo dal vivo, di attività espositive, di divulgazione della cultura umanistica e scientifica e di valorizzazione della cultura cinematografica, nonché di gestione e valorizzazione dei beni del patrimonio culturale o di altri luoghi della cultura regionali, contenenti anche eventi e attività collaterali sportive di carattere agonistico, amatoriale, ludico o ricreativo.

Saranno privilegiati i progetti in grado di offrire nuove occasioni di lavoro ai lavoratori e professionisti dei settori culturale e sportivo regionale, nonché, in coerenza con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, di rafforzare il sostegno alle famiglie e di affrontare efficacemente i casi di fragilità sociale del territorio di riferimento, di favorire il benessere psico-fisico delle persone e le politiche di sviluppo sostenibile.

Aperti ieri, i termini di presentazione della domanda, esclusivamente in modalità telematica, si chiudono perentoriamente alle ore 16 del 5 luglio 2021.

Tutte le informazioni si possono ricavare dalla pagina del sito della Regione dedicata al bando: http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/cultura-sport/attivita-c ulturali/FOGLIA198/articolo.html ARC/RT/ep

© RIPRODUZIONE RISERVATA