Covid: Riccardi, continua sequenziamento per monitoraggio in Fvg

Venerdì 11 Giugno 2021
Studio condotto il 1 giugno su 28 campioni mirati. Quattro i gruppi di varianti

Pordenone, 11 giu - "Continua il sequenziamento costante della Regione al fine di monitorare l'andamento epidemiologico, dal quale emerge che nei campioni analizzati il 1 giugno sono quattro i gruppi di varianti riscontrati in Friuli Venezia Giulia".

A darne comunicazione è il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

"Il sequenziamento - spiega Riccardi - fa parte di un monitoraggio periodico delle varianti circolanti in Regione condotto dal laboratorio di Virologia dell'UCO Igiene e Sanità Pubblica di Asugi in collaborazione con il laboratorio di Genomica ed epigenomica dell'Area di ricerca. L'indagine è stata condotta su 28 campioni mirati, prendendo in considerazione materiale che presentava caratteristiche particolari da un punto di vista epidemiologico, clinico o laboratoristico. In particolare si è trattato di campioni che, in real time PCR, non presentavano il drop down per il gene S, ovvero la variante inglese".

"Dallo studio - prosegue il vicegovernatore - si evince che tra le VOC (Variant of Concern) ritroviamo quella "indiana" e si presenta anche la "Sudafricana"; tra le VOI (Variant Of Interest) compare, anche a Trieste, la B.1.621 "colombiana" e, tra le VUM (Variant Under Monitoring), la B.1.1.318 a Pordenone".

Questi, nello specifico, il numero di casi riscontrati per ogni singola variante sui 28 campioni analizzati: 13 casi di B.1.1.7 Alpha (Inglese), 1 di B.1.351 Beta (Sudafricana), 1 di B.1.167.2 Delta (indiana), 1 di B.1.621 (colombiana), 3 di B.1.1.318 e infine 9 casi che rientrano in altre varianti non appartenenti a quelle di interesse per la sanità pubblica.

"Tutti i casi - conclude Riccardi - sono in carico ai Dipartimenti di competenza. Tre sono i campioni prelevati a persone ricoverate nei nosocomi triestini". ARC/AL/gg

© RIPRODUZIONE RISERVATA