Un caricabatterie unico per tutti dal 2024, l’Europa sfida Apple

Venerdì 10 Giugno 2022
Un caricabatterie unico per tutti dal 2024, l Europa sfida Apple

STRASBURGO - È ancora sfida tra Bruxelles e Apple. Questa volta il terreno di scontro è l'accordo tra le istituzioni Ue per la direttiva che imporrà dal 2024 un caricabatterie unico per smartphone, tablet e laptop venduti nel mercato europeo, ennesimo colpo contro il gigante di Cupertino. Il testo prevede di utilizzare come standard comune i caricatori di tipo USB-C per tutti i dispositivi mobili e di rendere i software di ricarica interoperabili tra marchi. Per ridurre i rifiuti elettronici nel testo è previsto anche lo stop anche alla vendita di caricabatterie nuovi con ogni dispositivo. "L'accordo è una tappa fondamentale dopo oltre di 10 anni di lavoro a questa direttiva", ha affermato Alex Agius Saliba, eurodeputato socialista maltese e relatore per il Parlamento europeo sul provvedimento. "Grazie alla norma saranno risparmiati oltre 250 milioni di euro spesi dai consumatori in caricabatterie inutili" che generano "tra le 13 e le 15 mila tonnellate d rifiuti elettronici, ha aggiunto Saliba.

Sullo scontro con Apple - da Cupertino in occasione del lancio della direttiva da parte della Commissione Ue, il 23 settembre 2021 - avevano fatto sapere di non gradire affatto lo standard unico e di considerare la mossa come un potenziale ostacolo all'innovazione - il commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton, ha osservato che "la regola vale per tutti e non è fatta contro nessuno. Non costringiamo nessuno a entrare nel mercato interno, ma se vogliono starci ci sono delle regole che si applicano a tutti"Le regole inizieranno ad essere applicate dal 2024, tra ventiquattro mesi. "Lasciamo alle aziende due anni per adeguarsi, sono più che sufficienti, ma le incoraggiamo a fare prima. A buon intenditore poche parole", ha spiegato poi il commissario, specificando che per i laptop ci saranno deroghe maggiori (40 mesi) per permettere l'adeguamento del mercato.

La direttiva approvata prevede anche l'obbligo per i produttori di fornire ai consumatori informazioni chiare sulle caratteristiche di carica dei nuovi dispositivi per scoraggiare l'acquisto di nuovi caricatori. In vista del superamento delle attuali tecnologie di ricarica inoltre, man mano che la tecnologia di ricarica wireless diventerà più diffusa, "la Commissione europea avrà il potere di sviluppare e aggiornare i cosiddetti atti delegati, sull'interoperabilità delle soluzioni di ricarica", spiega il testo dell'accordo. Da palazzo Berlaymont è arrivata anche l'esultanza di Margrethe Vestager, vicepresidente Ue responsabile per la Concorrenza per il Digitale. "Niente più pacchi di caricabatterie diversi nei nostri cassetti", ha detto, sottolineando che "un caricabatterie comune è un vero vantaggio per noi consumatori e per l'ambiente".

Ma la sfida tra Bruxelles e i produttori del tech non finisce con il caricabatterie universale. Dopo la pausa estiva è in arrivo, come richiesto dall'Europarlamento, anche una proposta di direttiva contro l'obsolescenza programmata dei dispositivi elettronici. "Alcune aziende vorrebbero che cambiassimo il nostro smartphone ogni tre anni, li capiamo, ma non è il punto di vista dei consumatori e nemmeno il nostro," ha tagliato corto Breton aprendo la strada ad una nuova grande sfida con gli eredi di Steve Jobs.

Ultimo aggiornamento: 15:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci