Gazebi, pergolati e tende: arredare l’outdoor
Belli e funzionali, sono regolamentati da una giurisprudenza precisa

A CURA DI PIEMME S.p.a
Gazebi, pergolati e tende: arredare l’outdoor  Belli e funzionali, sono regolamentati da una giurisprudenza precisa
Coniugano estetica e praticità, funzionalità e privacy, arredano e valorizzano: queste le funzioni di gazebo, tende da sole e pergolati, protagonisti di terrazzi e giardini, il vero valore aggiunto degli spazi esterni. Nelle sfumature calde e naturali del legno, oppure con le romantiche forme del ferro battuto, i gazebo individuano volumi ben definiti da arredare e vivere come vere e proprie stanze all’aperto.

Non è solo molto pratico -  protegge dal sole, dalla pioggia, dall’umidità, dagli sguardi indiscreti di vicini di casa curiosi - ma è pure esteticamente bello da vedere e si può arredare con raffinatezza e gusto quasi fosse una vera e propria living room (scegliendo, ovviamente, per gli arredi i materiale più adatti per l’outdoor).

Se è circolare esigerà un tavolo della stessa forma con sedute in stile e se ha un reticolato in legno richiederà dei rigogliosi rampicanti. I pergolati, invece, costituiscono una nota caratterizzante del giardino mediterraneo; progettate fin dalle loro origini allo scopo di creare passaggi ombrosi e angoli riparati, si rivelano ancora oggi quali elementi funzionali ma anche decorativi, adatti alle più moderne interpretazioni degli spazi aperti.

Burocraticamente parlando, per la realizzazione di opere quali pergolati, gazebo, tettoie, pensiline e pergotende, generalmente di modesta consistenza e di limitato impatto sul territorio, non è sempre facile individuare il corretto regime edilizio, ovvero non è sempre facile stabilire il confine tra edilizia libera e costruzioni che richiedono l’autorizzazione del Comune, ossia il cosiddetto permesso di costruire, per non essere considerate un abuso edilizio e, quindi, non subire un ordine di demolizione.

Ad esempio, se il gazebo è temporaneo (ad esempio per feste) non necessita di permesso di costruire ricadendo in interventi di edilizia libera; al contrario lo richiede se è permanente. Il pergolato/copertura amovibile leggera non necessita di alcun titolo abilitativo edilizio ma nel momento che però anche solo una parte di essa venga coperta in maniera fissa, allora passa alla categoria delle tettoie con tutte le conseguenze legittimanti richieste.
Spesso la disciplina completa e dettagliata è contenuta nei regolamenti edilizi comunali, da cui è possibile anche verificare se vi sono particolari vincoli paesaggistici da rispettare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 24 Aprile 2018, 11:35




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gazebi, pergolati e tende: arredare l’outdoor
Belli e funzionali, sono regolamentati da una giurisprudenza precisa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER