Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ivano Monzani, addetto alla sicurezza disgustato dalle canzoni del concerto di Fedez: la reazione diventa virale

«Figlio di putt***, non finocchio», a queste parole del testo della canzone del trapper Paky l'addetto alla sicurezza Ivano Monzani si è stupito

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Alessandro Rosi
Addetto sicurezza disgustato dalle canzoni del concerto di Fedez, la reazione diventa virale

«Figlio di puttana, non finocchio». A queste parole, un addetto alla sicurezza del concerto organizzato da Fedez è rimasto disgustato. La sua smorfia è stata però ripresa da un fan che era sotto al palco a riprendere l'esibizione del trapper Paky. Ed è diventata in breve tempo virale. L'episodio è accaduto al LoveMi a Milano, dove migliaia di giovani si sono ritrovati per sentire i brani più in voga questa estate.

Concerto Fedez e J-Ax a Milano, in 20mila a ballare in Piazza Duomo 

Addetto alla sicurezza disgustato, chi è

Si chiama Ivano Monzani l'addetto alla sicurezza diventato virale su Tik Tok. I video che lo ritraggono mentre si stupisce alle parole del concerto hanno raccolto migliaia di visualizzazioni in poco tempo. Dal profilo Facebook si intuisce che è un grande appassionato di metal e di rock come Ozzy Osbourne. Da qui si può intuire la sua reazione alle parole abbastanza colorite di chi si è esibito al LoveMi.

Il brano che ha suscitato la reazione 

Il brano che ha tanto suscitato la reazione di Ivano Monzani si intitola Blauer e no ed è interpretato Paky, trapper molto apprezzato da Fedez. Classe 1999, Vincenzo Mattera esordisce nel 2019 e a soli 20 anni pubblica il suo primo singolo. Poi inizia i featuring con Marracash, Gue Pequeno e Sfera Ebbasta. Come tanti giovani artisti, nei testi usa spesso un linguaggio disinibito e provocante. C'è da domandarsi se servano tutti questi termini, a volte anche volgari, per attirare l'attenzione del pubblico. Una riflessione che va oltre una smorfia.

 

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA