Covid, Lopalco: «Le scuole? Volano per i contagi». Ma lockdown totale è «impensabile»

Giovedì 25 Febbraio 2021
Covid, Lopalco: «Le scuole? Volano per i contagi». Ma lockdown totale è «impensabile»

Le scuole sono un «forte volano di circolazione del virus (Covid ndr.)», lo ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Puglia Pierluigi Lopalco, ospite alla trasmissione Un giorno da pecora, in onda su Radio1. «Purtroppo sulle scuole - ha proseguito - è stata fatta una questione ideologica e politica e ogni volta che facciamo un'ordinanza viene impugnata da un gruppo di genitori, da un'associazione. Ma questo è un momento delicato, siamo ad un bivio». Per questo motivo «deve essere utilizzata dal didattica digitale» per le lezioni, così Lopalco.

Covid, contagio in frenata: possibile una zona arancione rafforzata

Puglia in zona gialla

Inoltre, secondo l'assessore alla Sanità, «con buona probabilità la Puglia resterà in zona gialla, aspettiamo il rapporto della cabina di regia. L'andamento, però, è stabile, non abbiamo grosse impennate». Un quadro tutto sommato positivo, ha sottolineato Lopalco, anche se «abbiamo segnali che un pò ci preoccupano, come l'aumento dei casi nei bambini più piccoli che è probabilmente legato al dilagare della variante inglese», ha detto l'assessore alla Sanità della Puglia.

Lockdown e dpcm, Pasqua: dalle gite fuori porta alle visite agli amici, cosa possiamo fare

«Nei bambini - ha aggiunto - osserviamo casi con pochissimi sintomi o senza sintoni. Si conferma, quindi, che anche la variante non dà casi più gravi della malattia nei bambini, almeno per il momento». Alla domanda se preferisse una zona gialla o arancione, Lopalco ha risposto: «Da assessore alla Sanità preferirei la zona arancione, perché con la zona gialla è difficile far passare il messaggio che non significa che c'è assenza di rischio».

Nuovo Dpcm, stretta fino a dopo Pasqua: ipotesi riaperture in zona gialla, spiragli per ristoranti e cinema

Il lockdown

Sulle voci, insistenti, che chiedono un nuovo lockdown, Lopalco ha spiegato che «dopo un anno di disastro non possiamo pensare ad un lockdown totale. È ovvio che se vogliamo fermare il virus il lockdown generale sarebbe la soluzione migliore. Ma i danni economici poi si trasformano anche in danno alla salute».

Covid, Gimbe: «Impennata del 10% dei casi». Pesa la diffusione delle varianti

Nonostante che «dagli studi si è visto che i luoghi in cui è più facile la circolazione del virus sono purtroppo i ristoranti, pub, pizzerie, al chiuso ovviamente. Sono luoghi in cui si sta seduti per tanto tempo, senza mascherina, inevitabilmente in questi posti c'è anche scambio di oggetti. Le occasioni di contagio stando seduti a tavola per diverso tempo sono tante», così Lopalco rispondendo alla domanda in quali occasioni ci sono maggiori possibilità di contagio da Covid.

 

Ultimo aggiornamento: 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA