Asteroidi, arriva domani il re del 2022: ha il diametro di un chilometro e sarà molto luminoso. Come vederlo

Lunedì 17 Gennaio 2022
Asteroidi, arriva domani il re del 2022: ha il diametro di un chilometro e sarà molto luminoso. Come vederlo

Scoperto dall'astronomo Robert McNaught da un osservatorio in Australia 26 anni fa, un asteroide del diametro di un chilometro si prepara a dare un'altra occhiata alla Terra. Si chiama 1994 PC1 e passerà a oltre cinque volte la distanza fra il nostro pianeta e Luna (384mila chilometri, in media) sfrecciando a oltre 20mila chilometri orari. L'asteroide raggiungerà il punto più vicino alla Terra il 18 gennaio alle 22.51: in quel momento si troverà a quasi 2 milioni di chilometri da noi e sarà possibile osservarlo solo con un telescopio, anche piccolo. La presenza della Luna, che è piena questa notte, non dovrebbe dare troppo fastidio.

"1994 PC1" non è nuovo a queste visite, anzi, è stato ricostruito che nel 1933 passò molto più vicino alla Terra (un milione di chilometri): per gli studiosi questi transiti sono sempre molto interessanti perché danno la possibilità di mettere a punto traiettorie e calcoli su passato, presente e futuro di questi ammassi rocciosi. 

 
Non avete un telescopio o temete che le nuvole oscureranno il cielo sopra di voi: ecco venervi in aiuto il Virtual  telescope che trasmetterà in diretta il fly-by.

La Nasa lo ha classificato come un asteroide Apollo come "potenzialmente pericoloso", ma non bisogna preoccuparsi o pensare al film Don't look up. Solo in questa settimana, ad esempio, è previsto il passaggio di almeno 5 asteroidi di questa classe, di cui uno delle dimensioni di un autobus e tre delle dimensioni di una villetta.

Per quanto poco o punto visibile a occhio nudo, 1994 PC1 primeggia fra gli asteroidi attesi quest'anno: tra quelli della sua categoria (che ne comprende almeno 25mila) sarà quello che passerà più vicino alla Terra. 

Ecco come vederlo

Secondo l'indispensabile sito dell'Inaf, l'asteroide roccioso "è annoverato fra i PHA, i Potentially Hazardous Asteroid. Considerando il periodo temporale che va dal 1900 al 2194 questo passaggio è il più ravvicinato dopo quello del 17 gennaio 1933, quando passò (in incognito) a soli 1,12 milioni di km dalla Terra. Diventerà molto luminoso (astronomicamente parlando), arrivando a brillare come una stella di magnitudine apparente +10. L’orbita di 1994 PC1 è inclinata di ben 33,5° sul piano dell’Eclittica e nella fase di avvicinamento alla Terra l’asteroide sarà osservabile solo dall’emisfero australe. Per nostra fortuna la situazione cambia rapidamente e la sera del flyby sarà ben visibile dall’Italia appena fa buio, dalle 18.45 in poi. Occorrerà avere a disposizione un cielo buio e un telescopio a puntamento computerizzato con un oculare a basso ingrandimento (50x sono già sufficienti). Il 18 gennaio la Luna sarà praticamente piena, ma si troverà a una distanza angolare di circa 95° dall’asteroide, quindi abbastanza distante da non dare troppo fastidio con la sua luce”.

 

Ultimo aggiornamento: 15:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA