Covid, intero paese in lockdown in Sardegna: a Orune chiusi bar e ristoranti, vietato uscire di casa

Martedì 22 Settembre 2020

Praticamente un nuovo lockdown a Orune, paese di circa 2.300 abitanti in provincia di Nuoro. L'impennata di contagi da Covid, con 52 positivi e oltre 150 persone in quarantena fiduciaria, ha convinto il Comune e la Prefettura di Nuoro a prendere misure drastiche per contenere la diffusione del virus.

Covid Gran Bretagna, stretta di Johnson: pub e ristoranti chiusi alle 22, sport senza pubblico

Covid, l'America verso i 200mila morti. Record di contagi in Belgio e in Russia

Covid, l'infettivologo Bassetti: «L'Italia non è in pericolo, il lockdown totale non ci sarà mai più»

Bar, ristoranti ed esercizi commerciali resteranno chiusi in via precauzionale per tutto il giorno, mentre i cittadini sono invitati ad uscire dal paese solo in caso di comprovata necessità. Allevatori e agricoltori potranno spostarsi per lavoro nelle loro aziende, ma in mumero non superiore a uno. L'ordinanza con le nuove prescrizioni verrà firmata dal sindaco Pietro Deiana nelle prossime ore. L'aumento dei casi aveva già portato il primo cittadino a rinviare l'apertura delle scuole al 5 ottobre (le lezioni in Sardegna sono riprese ufficialmente oggi).
L'ordinanza entrerà in vigore domani fino al 5 ottobre. Il prefetto di Nuoro Luca Rotondi ha concordato il potenziamento delle attività di controllo con tutte le forze dell'ordine, carabinieri, polizia e guardia di finanza. È stato poi confermato per domani l'arrivo in paese, da Cagliari, della task force dell'Ats che effettuerà tamponi a tappeto sulla popolazione, così come richiesto dal sindaco. Dagli esiti dello screening dipenderà l'allentamento o l'inasprimento delle misure anti contagi.
 

 

Ultimo aggiornamento: 15:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA