Covid, morto a 43 anni il “paninaro” di Lecce: pochi giorni prima il virus aveva stroncato anche i genitori

Giovedì 25 Marzo 2021
Covid, morto paninaro di Lecce: il virus aveva stroncato anche i genitori pochi giorni prima

Ilia Mocka, uno dei più noti paninari di Lecce, è morto in ospedale dopo essere stato contagiato dal Covid. L'uomo, 43enne di origini albanesi, residente da anni ormai con la famiglia nel capoluogo salentino, gestiva insieme ai fratelli un camioncino di fast food lungo viale degli Studenti, nei pressi dell'ex Conservatorio Tito Schipa.

Bimbo di 7 mesi positivo al Covid coccolato da un'infermiera: la foto commuove il web

Era ricoverato al Dea dove le sue condizioni sono andate progressivamente peggiorando fino al decesso. Pochi giorni prima aveva perso entrambi i genitori anche loro stroncati dal Covid-19. «Mi mancherai tanto ilia mocka Voglio ricordarti sempre sorridente e felice di averti come mio fratello, mi hai spezzato il cuore addio e indimenticabile» scrive il fratello Olsi in un post Facebook.

Do me mungosh shum ilia mocka dua te kujtoj gjithmon kshu te qeshur dhe te gezua te kisha si vellan tim,ma kepute zemren lamtumir dhe i pa harruar rrofsh.

Posted by Olsi Mocka on Thursday, 25 March 2021

«Oggi è venuto a mancare il figlio di nostra zia Ilia Mocka. Un dolore per la sua famiglia e i suoi fratelli. Grande dolore e dispiacere è anche per noi perché lo abbiamo amato con la nostra anima e sincerità. Profonde condoglianze alla moglie e ai suoi fratelli» scrive invece la cugina della vittima sul suo profilo social.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA