«Sono stanco, vado in coma farmacologico». Il drammatico post del calciatore malato di cancro

Martedì 7 Gennaio 2020 di Alfonso SPAGNULO
Giovanni Custodero

L’annuncio del “guerriero”. Lo hanno definito così Giovanni Custodero, 25 anni, di Pezze di Greco, frazione di Fasano in provincia di Brindisi. La sua storia è diventata famosa sì per le tante iniziative legate soprattutto al mondo dello sport (Giovanni è stato portiere di calcio a 5 nella sua Fasano), ma soprattutto per il messaggio positivo che questo ragazzo ha saputo trasmettere durante una malattia, un sarcoma osseo, contro la quale sta lottando con coraggio e forza d'animo.

Schiavone, gioia sui social: «Che felicità, i capelli crescono tanto»

Da oggi Giovanni Custodero sarà in coma farmacologico. Ad annunciarlo è stato lo stesso straordinario “guerriero” con un post su Facebook:  «Eccoci arrivati alla battaglia finale, siamo io e lui, uno davanti all’altro e lo guardo in faccia - scrive - capisco che è forte dell’energia con la quale l'ho nutrito in questi anni, mentre io sono ormai stanco. Ho deciso di trascorrere le feste lontano dai social, ma accanto alle persone per me più importanti. Però, ora che le feste sono finite, e con loro anche l’ultimo granello di forza che mi restava, ho deciso che non posso continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che la sorte ha in serbo per me».

«Sarò indotto in coma farmacologico - scrive Custodero - e terminerò così il mio percorso sperando di essere stato d'aiuto a molte persone». Un messaggio diretto, una lezione di vita anche se quest’ultima, per lui, sembra essere giunta alla conclusione. La bacheca del giovane è stata inondata da migliaia di messaggi e di foto ricordo a dimostrazione dell’affetto incondizionato che la gente, e non solo di Fasano, prova nei confronti di un vero e proprio eroe dei giorni nostri.

Ultimo aggiornamento: 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci