Covid, 5 positivi nel carcere di Benevento. Salvini: «Con la scusa del virus centinaia di criminali a casa»

Sabato 19 Settembre 2020

Ansia e preoccupazione diffusa per quanto sta accadendo nel carcere di Benevento. Nella struttura penitenziaria, di fatto, si è sviluppato un focolaio di infezione da Covid. Sono già cinque le persone ad aver contratto il virus: due agenti della polizia penitenziaria e tre detenuti. «Il governo ha spalancato le celle per mandare a casa centinaia di criminali con la scusa del covid, ma non ha impedito il focolaio nel carcere di Benevento e che mette in pericolo anche le donne e gli uomini in divisa. Solidarietà alla Polizia penitenziaria», commenta il leader della Lega Matteo Salvini.

Virus, nei penitenziari quarantene, video-colloqui e spostamenti limitati

Terni, in carcere aumentano le aggressioni agli agenti: è allarme

Presa di posizione forte del segretario generale del Sindacato Nazionale Autonomo Polizia Penitenziaria (SiNappe) Roberto Santini: «La situazione va tenuta sotto controllo. La direzione dell’Istituto – spiega Santini – deve procedere alla sanificazione di tutti i locali della struttura, non solo di alcuni settori. E’ indispensabile fare i tamponi a tutti coloro che si trovano all’interno del carcere: personale di polizia e detenuti. Il Direttore dell’Istituto ha l’obbligo di gestire la faccenda in maniera assolutamente responsabile perché si tratta di una situazione che – potenzialmente – riguarda tutto il territorio e a tutti i livelli. Ad oggi – conclude Santini – non è stata messa in campo una strategia in grado di tutelare la saluti dei detenuti e dei poliziotti».

Ultimo aggiornamento: 15:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA