Coronavirus, Burioni: «Il Covid non è cambiato»

Domenica 17 Maggio 2020
​Coronavirus, Burioni: «Il Covid non è cambiato»

Ci si chiede, nelle ultime ore, se il coronavirus sia diventando meno aggressivo; se insomma stia cambiato. «Non abbiamo evidenze che il virus sia cambiato, ma cosa dicono i clinici che vedono ogni giorno nuovi pazienti?». A scriverlo su Twitter è il virologo Roberto Burioni, introducendo una nuova puntata dei dialoghi di 'Medical Facts' dedicata a possibili terapie per contrastare le conseguenze più gravi dell'infezione da Sars-CoV-2, con Lorenzo Dagna, immunologo clinico e reumatologo dell'ospedale San Raffaele di Milano. «Una grossa quota del danno di Sars-Cov-2 probabilmente è causata proprio da un'eccessiva risposta immunitaria», spiega Dagna. Nell'intervento l'immunologo illustra i risultati ottenuti in un recente studio dell'Irccs ospedale San Raffaele, condotto da Giulio Cavalli e coordinato proprio da Dagna, che mostra l'efficacia e la sicurezza di una molecola - anakinra - capace di «spegnere l'incendio» dell'eccessiva risposta immunitaria causata dalle forme gravi di Covid-19. I risultati sono stati resi noti nei giorni scorsi e pubblicati su 'Lancet Rheumatology'. 
 

LEGGI ANCHE --> Dagli anticorpi dei lama una nuova, possibile "arma" contro il coronavirus

Ultimo aggiornamento: 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci