«Il vaccino contro il Covid è efficace anche nelle persone con Hiv»: la ricerca della Johns Hopkins

Giovedì 12 Agosto 2021 di Lorena Loiacono
«Il vaccino contro il Covid è efficace anche nelle persone con Hiv»: la ricerca della Johns Hopkins

Il vaccino contro il Covid è efficace anche nelle persone con Hiv: a rivelarlo è uno studio della Johns Hopkins Medicine dove un team di ricercatori ha dimostrato che le persone che convivono con il virus dell'immunodeficienza umana possono essere protette dal SARS-CoV-2 se sono completamente vaccinate. Lo studio è stato pubblicato il 22 luglio 2021 sulla rivista Clinical Infectious Diseases. L’analisi sulle persone affette da Hiv arriva dopo i precedenti studi analoghi su pazienti che hanno avuto trapianto di organi e pazienti con malattie reumatiche e muscoloscheletriche.

Vaccino e Hiv, ecco cosa succede

 

Nelle due indagini precedenti, i pazienti hanno mostrato livelli di anticorpi inferiori al normale dopo le due dosi standard. I pazienti trapiantati hanno mostrato un’efficace copertura solo dopo Laterza dose. Per analogia, allora, si è proceduto con la ricerca sui pazienti affettiva hiv, per capire se fossero al sicuro con due dosi o se ne servissero di più. «Il vaccino Pfizer/BioNTech, ampiamente utilizzato - ha spiegato l'autore senior dello studio Joel Blankso, professore di medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine - induce risposte immunitarie robuste nelle persone che vivono con l'HIV paragonabili a quelle osservate nelle persone sane».

Miocardite dopo il vaccino? «Dieci volte più probabile essere colpiti da un fulmine». Lo studio Usa

LE TERAPIE ANTIVIRALI Per analizzare le reazioni immunitarie, sono stati raccolti campioni di sangue nel periodo compreso tra 7 e 17 giorni dopo la seconda dose di vaccino Pfizer/BioNTech: nello studio sono stati coinvolte e analizzate 12 persone affette HIV, sette donne e cinque uomini, e 17 partecipanti sani, sette donne e 10 uomini. Nessuno dei partecipanti, precedentemente, aveva avuto l’infezione da Covid, i pazienti che convivono con l'HIV erano in terapia antiretrovirale. I pazienti Hiv avevano una conta mediana di linfociti T CD4+ di 913 cellule per microlitro. Un adulto sano ha una conta delle cellule T CD4+ compresa tra 500 e 1.200 cellule per microlitro, mentre le persone con HIV non trattato possono avere una conta inferiore a 200 cellule per microlitro. I linfociti T CD4+ sono cellule del sistema immunitario quindi un conteggio delle cellule T CD4+ può servire per capire come risponde il sistema immunitario a un vaccino e come produce l'immunità umorale.

Covid sarà «eradicato definitivamente, più della polio». L'analisi del BMJ Global Health

Per valutare l'immunità umorale indotta dal vaccino Pfizer/BioNTech nelle persone che vivono con l'HIV, i ricercatori hanno utilizzato test per rilevare la presenza e misurare i livelli di anticorpi contro la proteina che costituisce i picchi virus del SARS-CoV-2. I vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna, entrambi a RNA messaggero, forniscono istruzioni genetiche al sistema immunitario di una persona vaccinata per riconoscere la proteina spike e per avviare la produzione di anticorpi contro SARS-CoV-2.

Il vaccino «aiuta a fermare i contagi e previene la variante Alpha, dubbi sulla Delta»: la ricerca olandese

«Abbiamo scoperto che non c'era alcuna differenza significativa nelle risposte delle cellule T CD4+ prodotte dal vaccino per i partecipanti sani e quelli che vivono con l’HIV - ha spiegato Blankson - quindi le persone affette da Hiv sono adeguatamente protette dal vaccino, una volta completata la profilassi, contro SARS-CoV-2». Il prossimo passo sarà capire s era stessa risposta immunitaria è confermata anche nei pazienti affetti da Hiv con un valore inferiore di T CD4+.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA