Omicron 5, chi prende il Covid per la seconda volta con BA.5 «può avere complicazioni molto più gravi»: lo studio

Secondo Nature, "Omicron BA.5 ha la capacità di infettare e reinfettare quasi chiunque"

Giovedì 7 Luglio 2022
Omicron 5, chi prende il Covid per la seconda volta con il BA.5 «può avere complicazioni molto più gravi»: studio Usa

In tutto il mondo, l'ultima sottovariante di Omicron, BA.5, sta rapidamente diventando il ceppo dominante del virus SARS-CoV-2. Il “nuovo Covid” è appena salito al primo posto negli Stati Uniti: nell'ultima settimana di giugno, BA.5 rappresentava più della metà di tutti i nuovi casi di Covid-19, secondo nuove stime dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) . È un aumento di 10 punti percentuali rispetto alla settimana precedente. Per diversi motivi, inclusa la mancanza di protezioni e mutazioni nel virus, BA.5 adesso può essere difficile da tenere sotto controllo.

Omicron 5 non si ferma, 20mila sanitari positivi: rinviati interventi e visite. Raddoppiati in 7 giorni i bimbi ricoverati

Il potere di BA.5 (e del suo fratello BA.4, che costituisce circa il 16% dei nuovi casi negli Stati Uniti, ha la stessa mutazione della proteina spike di BA.5, ma non sembra diffondersi così rapidamente) è la sua capacità di infettare e reinfettare quasi chiunque. Questo ceppo altamente contagioso può eludere l'immunità accumulata dalle persone, sia dalla vaccinazione sia da una precedente infezione. Come riporta Nature, studi di laboratorio mostrano che anche le persone che hanno la cosiddetta «immunità ibrida» da vaccinazione e un'infezione pregressa con il ceppo Omicron BA.1 sono meno in grado di scongiurare la reinfezione dal ceppo BA.4 o BA.5. Gli esperti ritengono che ciò sia dovuto in gran parte ai cambiamenti nelle proteine ​​​​spike del virus. Gli attuali vaccini e booster Covid-19 prendono di mira il ceppo originale del virus piuttosto che una qualsiasi delle varianti, quindi essere vaccinati non offre la stessa protezione di una volta contro le infezioni. Fortunatamente, i vaccini garantiscono ancora un'ampia protezione contro i peggiori esiti della malattia.

Omicron 5, picco di contagi in Italia tra il 10 e il 15 luglio. Il caso Portogallo e la previsione per agosto

Le reinfezioni

Da quando BA.4 e BA.5 hanno preso il sopravvento, «abbiamo visto alcuni casi di reinfezione», ha spiegato alla Cnn il dottor Wesley Long, un patologo sperimentale allo Houston Methodist Hospital, «e ho visto alcuni casi di reinfezione con persone che avevano una variante BA.2 negli ultimi mesi». Questo virus combina una maggiore trasmissibilità del virus e una maggiore evasione immunitaria con meno mandati di protezione in tutto il paese e la minaccia di infezione è alta. Le condizioni sono anche mature per l'emergere di nuove varianti, poiché il rischio di mutazioni aumenta quanto più il virus si diffonde. Inoltre, una recente ricerca (che deve ancora essere sottoposta a revisione) ha rilevato che le persone che erano state reinfettate da Covid-19 avevano un rischio più elevato di ospedalizzazione e morte rispetto alle persone che erano state infettate una volta. Avevano anche maggiori probabilità di sviluppare problemi di salute nuovi e duraturi, inclusi problemi polmonari e cardiaci, affaticamento, disturbi digestivi e renali, diabete e problemi neurologici.

I vaccini

I produttori di vaccini stanno cercando di tenere il passo con il virus. Il 30 giugno, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha affermato che i nuovi vaccini di richiamo per l'autunno «devono mirare a BA.4 e BA.5». Ma mentre le aziende stanno sviluppando nuovi vaccini per affrontare specificamente l'Omicron, non è ancora chiaro quanto saranno efficaci nell'affrontare le sottovarianti più recenti o, se il virus continua a evolversi così rapidamente, se qualcosa sviluppato ora sarà obsoleto quando sarà disponibile. La buona notizia è che da quanto gli esperti possono dire finora, la variante BA.5 non sta causando una forma più grave di infezione (sebbene gli scienziati stiano ancora raccogliendo nuovi dati su questo), i sintomi riportati non sono cambiati molto e i tassi di morte e ospedalizzazione negli Stati Uniti sono inferiori a quelli dell'onda Omicron invernale. (Questo potrebbe cambiare, tuttavia, poiché sembra esserci un leggero aumento recente dei ricoveri, secondo il CDC.) Nel frattempo, gli esperti raccomandano alle persone con più di 50 anni di non ritardare l'assunzione dei loro booster, poiché il rischio di infezione in questo momento è alto.

Virus di Marburg, Perno (Bambino Gesù): «È altamente letale, anche Omicron 5 è venuto dall'Africa»

 

Ultimo aggiornamento: 9 Luglio, 11:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci