Vaiolo delle scimmie, i non vaccinati hanno una probabilità 14 volte maggiore di ammalarsi

Nel corso dell'epidemia sono stati identificati più di 25.000 casi di scimmia negli Stati Uniti

Mercoledì 28 Settembre 2022
Vaiolo delle scimmie, i non vaccinati hanno una probabilità 14 volte di maggiore di ammalarsi

I non vaccinati hanno una probabilità 14 volte maggiore di contrarre il vaiolo delle scimmie rispetto ai vaccinati, secondo i nuovi dati statunitensi

Uno studio americano citato da CNN sostiene che il vaccino attenua le probabilità di contrarre il vaiolo delle scimmie. La ricerca ha misurato l'efficacia del vaccino contro il vaiolo delle scimmie che viene attualmente somministrato negli Stati Uniti. I risultati, basati su dati raccolti in 32 Stati, potrebbero essere resi pubblici a brevissimo, quando il team di risposta al vaiolo delle scimmie della Casa Bianca dovrebbe tenere il prossimo briefing con la stampa.

Diversi funzionari della sanità hanno dichiarato che i dati sui vaccini rendono l'amministrazione sempre più ottimista sull'efficacia del vaccino Jynneos a due dosi contro il vaiolo delle scimmie.

«Siamo cautamente ottimisti riguardo allo studio e pensiamo che se continuiamo a distribuire i vaccini a coloro che sono a più alto rischio di malattia e se continuiamo a promuovere i cambiamenti comportamentali che sappiamo funzionare, la combinazione di questi due elementi ci permetterà di continuare a vedere una diminuzione dei casi e, auspicabilmente, di eliminare l'attuale epidemia di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti», ha dichiarato alla CNN un alto funzionario della sanità.

Vaiolo delle scimmie, diagnosticato il terzo caso in Abruzzo

Positivo a vaiolo delle scimmie, Covid e Hiv contemporaneamente: è italiano il primo caso di coinfezione

Una variabile importante è anche il comportamento delle persone: «Sappiamo che all'inizio dell'epidemia di vaiolo, molti uomini gay e bisessuali hanno cambiato il loro comportamento», ha detto lo stesso funzionario.

«Sappiamo che si tratta di un vaccino a due dosi e continuiamo a incoraggiare le persone a prendere la seconda dose perché tutti gli studi precedenti hanno dimostrato che quando si prende la seconda dose, si ha una risposta immunitaria più profonda», ha detto il funzionario.

Questi risultati coincidono con un senso di "cauto ottimismo" recentemente espresso dagli alti funzionari della sanità statunitense sulla traiettoria generale dell'epidemia, dato che il Paese ha registrato un calo dei nuovi casi di vaiolo delle scimmie. Nel corso dell'epidemia sono stati identificati più di 25.000 casi di scimmia negli Stati Uniti.

«Nelle ultime settimane abbiamo notato con piacere un calo nella crescita dei nuovi casi sia qui che all'estero, anche se ci sono aree degli Stati Uniti in cui il tasso di aumento dei nuovi casi è ancora in crescita», ha dichiarato all'inizio del mese il direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, dott.ssa Rochelle Walensky. «Ci avviciniamo a questa notizia con cauto ottimismo».

Ultimo aggiornamento: 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci