Sinovac, l'Agenzia europea Ema inizia esame di revisione del vaccino cinese

Martedì 4 Maggio 2021
Vaccino cinese Sinovac, l'Europa avvia l'esame

L'Europa ha iniziato il processo di valutazione del vaccino cinese Sinovac. L' Agenzia europea Ema ha infatti avviato l'esame (in 'rolling review') del farmaco. Lo annuncia la stessa Agenzia europea su Twitter. 

Il richiedente Ue è la società italiana LifeOn S.r.l. si specifica nella nota. La decisione si basa sui risultati preliminari di studi di laboratorio e clinici che suggeriscono come il vaccino inneschi la produzione di anticorpi che prendono di mira Sars-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, e può aiutare a proteggere dalla malattia.

AstraZeneca, Viola: «Agli under 60? Sì, ma solo agli uomini»

L' Ema valuterà i dati non appena saranno disponibili per decidere se i benefici superano i rischi. L'analisi continuerà fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti per una domanda formale di autorizzazione all'immissione in commercio.

 

«Vaccino cinese Sinovac poco efficace», Pechino ammette: tassi di protezione non molto alti 

Anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si riunirà per valutare l'idoneità dei vaccini cinesi anti Covid-19 sviluppati da Sinopharm e Sinovac per la procedura di accesso alla Lista per l'uso di emergenza dell'OMS. È quanto risulta dalle dichiarazioni di un funzionario dell'OMS e da recenti rapporti dei media. Mariangela Batista Galvao Simao, assistente del direttore generale dell'OMS per l'accesso ai farmaci e ai prodotti sanitari, lunedì (26 aprile scorso) nel corso di un briefing ha dichiarato: «Un gruppo consultivo che si riunisce oggi e nei prossimi giorni valuterà Sinopharm. Valuteremo Sinovac il 5 maggio. Ci aspettiamo di raggiungere una decisione per Sinopharm prima della fine di questa settimana, e per Sinovac molto probabilmente entro la fine della prossima settimana».

Se approvati, i vaccini cinesi sarebbero i primi di un Paese non occidentale a ottenere l'approvazione dell'agenzia sanitaria globale. Citando Huang Yanzhong, socio anziano per la salute globale del Council on Foreign Relations di New York, il South China Morning Post ha sottolineato che il sostegno dell'OMS ai vaccini cinesi potrebbe avere un «impatto significativo» sul loro ruolo nella fornitura globale. Huang infatti ha dichiarato che «autorizzare l'uso di emergenza del vaccino cinese legittimerebbe la commercializzazione internazionale del preparato cinese e faciliterebbe le campagne vaccinali nei Paesi che lo hanno ricevuto», aggiungendo che l'approvazione dell'OMS permetterà all'iniziativa COVAX, guidata dall'OMS, di acquistare vaccini cinesi per la distribuzione.

 

 

LE CARATTERISTICHE - Sinovac è uno dei vaccini sviluppati in Cina. La sua tecnologia si basa su un virus inattivato e ha bisogno di due somministrazioni a distanza di 14 giorni. L’inoculazione ha impedito totalmente l’ospedalizzazione e la morte nei pazienti, ma ha avuto un’efficacia inferiore sui contagi.

 

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 09:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA