AstraZeneca, 29 milioni dosi trovate ad Anagni. Stabilimento sorvegliato da forze dell'ordine Draghi: «Vigiliamo». Stretta dell'Ue sull'export

Mercoledì 24 Marzo 2021
Covid, AstraZeneca ancora nel mirino Ue: «Consegnati 30 milioni di dosi invece di 120»

AstraZeneca: carabinieri e poliziotti presidiano lo stabilmento della Catalent di Anagni, in provincia di Frosinone, una dei teatri del giallo delle dosi di vaccino bloccate. Sono state trovate bolle che registrano milioni di dosi contenute in lotti diretti appunto da Anagni a Bruxelles, due dei quali bloccati dai carabinieri e poi ripartiti per il Belgio. Lo stabilimento di AstraZeneca in Italia finisce quindi sotto la lente dei Nas, inviati dal Governo dopo i sospetti europei su eventuali esportazioni da parte della società farmaceutica anglo-svedese fuori dall'Ue. Il tutto sullo sfondo delle «forti inadempienze» da parte del colosso e denunciate dall'Europa: «di 120 milioni di dosi» che avrebbe dovuto consegnare nel primo trimestre secondo il contratto, ha tagliato a «30 milioni ma non è nemmeno vicino a questa cifra».

 

 

E lo stesso premier, Mario Draghi, precisa: i lotti «sono partiti per il Belgio, alla casa madre. Da dove andranno da lì non so. Intanto la sorveglianza continua per quelli rimanenti». Anche i Paesi Bassi, per voce del premier olandese, Mark Rutte, sono pronti a «bloccare» l'esportazione di vaccini «se la Commissione Ue lo richiede». E la Francia attacca: AstraZeneca ha mantenuto «quasi integralmente» i suoi impegni «con la Gran Bretagna ma non con l'Unione europea» in materia di consegna dei vaccini ed è «una situazione completamente inaccettabile. L'Unione europea non sarà lo zimbello della vaccinazione».

 

 

Vaccini, per la somministrazione in farmacia si partirà da AstraZeneca e J&J

A far deflagrare una situazione già tesa da settimane - per la campagna vaccinale che ancora stenta in tutti i Paese dell'Ue a causa della carenza di dosi - è stata proprio la Commissione europea. In una telefonata di sabato scorso, la presidente Ursula von der Leyen ha chiesto a Draghi una verifica, dopo la richiesta di ispezione avviata dal commissario dell'Ue Breton, alla guida della task force sui vaccini: i dubbi erano riferiti ad alcuni lotti che non tornavano nei conti della Commissione e che sarebbero stati giacenti presso lo stabilimento della Catalent di Anagni, vicino a Roma, dove da settembre si infialano i vaccini al ritmo di 5-6 milioni dosi. E dove ce ne sarebbero state - secondo i sospetti - 29 milioni ferme. L'alert è scattato subito e Draghi ha informato il ministro della Salute, Roberto Speranza. Nel giro di qualche ora - tra il 20 e il 21 marzo - i militari del Nucleo Antisofisticazione erano alla Catalent: i carichi ispezionati avevano come destinazione il Belgio. 

 

Due sono già partiti: ma ora tutti quelli in uscita vengono controllati dai Nas. La task force della Commissione europea, invocando ancora una volta «l'importanza della piena trasparenza sul numero di dosi che vengono prodotte nei siti europei di AstraZeneca, ha chiesto conferme sull'esatta provenienza dei lotti individuati ad Anagni.

Lo stesso Thierry Breton aveva sollecitato l'intervento dopo una sua visita nello stabilimento di Leida, nei Paesi Bassi, gestito dalla Halix, uno dei due impianti in Ue utilizzati dalla casa farmaceutica per produrre il vaccino. La società di Oxford ha poi chiarito in una nota che nello stabilimento di Anagni ci sono altre 16 milioni di dosi di vaccino in attesa del rilascio del controllo di qualità e destinate all' Europa. Quasi 10 milioni di dosi saranno consegnate ai paesi dell'Ue durante l'ultima settimana di marzo, il saldo ad aprile, poiché le dosi sono state approvate per il rilascio dopo il controllo di qualità. 

Al momento, dunque, non sono previste altre esportazioni, oltre ai Paesi Covax (sigla del programma di distribuzione del siero nelle nazioni a basso medio reddito, ndr), per i quali ci sono 13 milioni di dosi. Sul fronte interno, il leader della Lega, Matteo Salvini, chiede »chiarezza immediata da parte dell'azienda e dell'Europa perché sarebbe incredibile, con le carenza di dosi che ha l'Italia, se fosse vero che AstraZeneca ha 29 milioni di dosi ferme in uno stabilimento di Anagni. Progressi arrivano anche in merito ai progetti per la produzione in Italia: in questo senso la Difesa è al lavoro, con notevoli progressi. 

Al centro del programma c'è l'accordo che l'Agenzia industrie Difesa ha siglato con la 'Fondazione Toscana Life Science' su ricerca e sviluppo per valutare la possibilità di realizzare anche un impianto di produzione di vaccini di origine virale. La sede della produzione, che a quanto si apprende non avverrà prima dell'inizio del 2022, sarà lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. 

 

 

La situazione ad Anagni

La destinazione delle dosi infialate ad Anagni è quindi è ancora sconosciuta in quanto da Catalent non filtrano informazioni. Impossibile entrare all'interno della struttura presidiata all'esterno dalla sicurezza e all'interno dalle forze dell'ordine. Vietato l'ingresso ai giornalisti anche all'interno del parcheggio, allontanato chiunque provi ad avvicinarsi. «È stata una giornata molto movimentata - dice all'Adnkronos un residente della zona - ho visto diverse auto di polizia e carabinieri entrare e uscire da Catalent».

 

 

 

Virus, vaccini AstraZeneca agli avvocati perchè è finita sotto inchiesta dirigente Asl

 

Vaccino, Speranza: «Nel secondo trimestre in arrivo 50 milioni di dosi. Ok Sputnik se agenzie dicono che è sicuro»

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 00:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA