Le insidie dell'estate: tachicardia e febbre, attenzione al colpo di calore

Giovedì 10 Giugno 2021 di Antonio Caperna
Getty Images

Una delle insidie estive della quale è facile dimenticarsi è il colpo di calore. È provocato da condizioni ambientali con alta temperatura (a partire da 35 gradi), ridotta ventilazione e, soprattutto, elevata umidità. Che possono verificarsi al mare come in città. Si tratta di una condizione che non consente certo all’organismo di disperdere il calore in eccesso attraverso il sudore e di mantenere la temperatura del corpo intorno ai 37 gradi. Se l’umidità è molto elevata, il sudore evapora più lentamente e il calore non viene eliminato.

I RISCHI

Quando questo accade la temperatura del corpo aumenta e si può andare incontro a tachicardia come a febbre. Importante è avere a portata di mano integratori idrico-salini e rinfrescare il corpo con panni bagnati in acqua fredda. Altro possibile rischio è il collasso da calore, legato alla diminuzione del sangue circolante. In questi casi all’inizio ci si sente deboli, si suda e si avverte un forte giramento di testa. Il battito tende poi a rallentare, la pressione arteriosa scende e la pelle diventa fredda. «Se una persona dovesse avvertire i sintomi del collasso di calore, metterla in posizione orizzontale con le gambe rialzate rispetto al capo», si legge nel sito semplicementesalute.it dove Assosalute, l’associazione delle aziende che producono farmaci da automedicazione, dà consigli per ogni tipo di malessere e incidente. «È molto difficile distinguere un calore buono da uno cattivo – spiega Ovidio Brignoli, vicepresidente della Società italiana di medicina generale – È evidente che una scottatura determina un aumento della temperatura esterna della cute ed è un fatto negativo, mentre l’attività fisica e la digestione o alcuni fenomeni ormonali determinano aumento della temperatura corporea ma sono fenomeni fisiologici. In alcuni casi, e in particolare quando la temperatura è elevata, si attivano una serie di meccanismi, come la sudorazione e, a volte, il tremore muscolare. Che hanno l’obiettivo di favorire un abbassamento della temperatura corporea».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA