Variante indiana, Galli: «Preoccupante, non siamo ancora fuori dai guai»

Mercoledì 28 Aprile 2021
Covid, Galli: «Variante indiana preoccupa, non siamo ancora fuori dai guai»

Massimo Galli invita alla prudenza sulla variante indiana. Secondo il direttore del reparto di infettivologia dell'ospedale di Milano - ieri ospite ad Agorà su Rai3 - si sa troppo poco sulla nuova mutazione del Covid. In India c'è stata nell'ultimo mese un'impennata dei contagi contando però una popolazione di 1,3 miliardi di abitanti. «Preoccupa l'evoluzione del fenomeno, ma lì ci sono anche condizioni locali molto particolari».

Speranza, in Senato si vota la sfiducia al ministro della Salute

Nel corso della trasmissione Galli ha parlato anche della situazione italiana dove rimangono preoccupanti il numero delle diagnosi degli ultimi giorni. Si registrano circa 10.000-12.000 nuove diagnosi giornaliere, anche se in alcuni giorni diminuiscono per via del basso numero di tamponi nel fine settimana: «Non siamo ancora fuori dai guai, siamo in una situazione che meriterebbe ancora attenzione», ha detto Galli.

 

<div class="flourish-embed flourish-bar-chart-race" data-src="visualisation/2178601" data-url="https://flo.uri.sh/visualisation/2178601/embed" aria-label=""><script src="https://public.flourish.studio/resources/embed.js"></script></div>

 

Variante indiana, Oms: «Presente in almeno 17 Paesi nel mondo. Più frequenza anche in Italia»

Infine, l'infettivologo si è espresso in merito alla mozione di sfiducia presentata in Senato nei confronti del ministro della Salute Roberto Speranza: «ha interagito sempre in modo intelligente e equilibrato. Fa la sua parte in maniera egregia».

India, oltre tremila morti in 24 ore: le vittime sono oltre 200mila

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA