Fumatori: infarti e ictus senza preavviso, rischio raddoppia. studio choc, ecco i risultati

Giovedì 18 Novembre 2021
Fumatori: infarti e ictus senza preavviso, rischio raddoppia. studio choc, ecco i risultati

Per i fumatori il rischio è doppio: cuore in tilt senza preavviso. È la conclusione cui è giunto uno studio  condotto da ricercatori della Northwestern University di Chicago e pubblicato sul Journal of the American Heart Association. Il fumo, non soltanto aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, ma quasi raddoppia le probabilità che il primo sintomo della malattia sia un evento fatale, come l'infarto o l'ictus.

Smettere di fumare: i segreti da seguire e cosa può essere d'aiuto

La ricerca su 100mila persone

Lo studio aggiunge nuovi elementi alle conoscenze dei danni causati dal fumo al cuore e ai vasi sanguigni. La ricerca ha analizzato i dati estratti da 9 grandi screening, per un totale di oltre 100mila persone prese in considerazione. Complessivamente, i fumatori avevano un maggior rischio di andare incontro a malattie cardiache; per esempio nella fascia di età compresa tra i 40 e i 59 anni, più del 50% dei fumatori si ammalava; inoltre aveva una probabilità 1,8 volte più alta di morire per cause cardiovascolari come infarto o ictus rispetto ai non fumatori. Il fumo, inoltre, è legato a un'insorgenza precoce delle malattie cardiovascolari, che, nei fumatori maschi si presentano con 5,1 anni di anticipo, mentre nelle femmine 3,8 anni prima.

Sigarette elettroniche, la possibilità di ammalarsi si riduce del 19% (ma smettere è sempre meglio)

La novità dello studio è però la maggiore probabilità che nei fumatori gli eventi cardiovascolari mortali come ictus e infarto si presentino senza nessun segnale di allarme: complessivamente tra i fumatori questo rischio è quasi doppio rispetto ai non fumatori e tende ad alzarsi nelle fasce di età più giovani. «Il fumo può uccidere con una malattia cardiaca prima ancora che una persona si accorga di essere malato», dice il primo firmatario dello studio Sadiya Khan, della Northwestern University Feinberg School of Medicine, che nota come «la maggior parte delle persone è consapevole dei rischi di cancro ai polmoni derivante dal fumo, ma molte persone che fumano non si rendono conto che è più probabile morire per malattie cardiovascolari che per cancro ai polmoni». 

Ultimo aggiornamento: 19:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA