Nuovo farmaco israeliano contro il Covid: il 90% dei pazienti dimessi in 5 giorni

Martedì 10 Agosto 2021
Nuovo farmaco israeliano contro il Covid: il 90% dei pazienti dimessi in 5 giorni

Un nuovo farmaco sviluppato in Israele è riuscito a curare in 5 giorni i pazienti contagiati con il Covid. In particolare, circa il 93% dei 90 ricoverati con coronavirus trattati in diversi ospedali greci dal medicinale creato da un team del Sourasky Medical Center di Tel Aviv è stato dimesso in cinque giorni o meno. Lo studio di Fase II ha confermato i risultati della Fase I condotta in Israele, dove 29 pazienti su 30 si erano ripresi dopo pochi giorni lo scorso inverno.

Vaccino orale, al via i test in Israele: «Molto più resistente alle varianti»

 

Nessun effetto collaterale

«L'obiettivo principale di questo studio era verificare che il farmaco fosse sicuro», ha affermato il prof. Nadir Arber al Jerusalem Post. «Fino ad oggi non abbiamo registrato alcun effetto collaterale significativo in nessun paziente di entrambi i gruppi». Lo studio è stato condotto ad Atene perché Israele non aveva abbastanza pazienti rilevanti.

 

 

Sviluppato da una proteina presente nel corpo

Gli scienziati hanno sviluppato il farmaco sulla base di una molecola che il professore studia da 25 anni chiamata CD24, che è naturalmente presente nell'organismo. «È importante ricordare che 19 pazienti su 20 COVID-19 non hanno bisogno di alcuna terapia», ha affermato Arber. «Dopo una finestra di 5-12 giorni, circa il 5% dei pazienti inizia a peggiorare». La causa principale del deterioramento clinico è un'eccessiva attivazione del sistema immunitario, nota anche come tempesta di citochine. In caso di pazienti COVID-19, il sistema inizia ad attaccare le cellule sane nei polmoni. «Questo è esattamente il problema che i nostri farmaci vogliono evitare, ha detto.

 

Vaccino, terza dose “booster”: reazioni simili o inferiori alla seconda, lo studio in Israele

 

Pronto per la fine dell'anno

Il team è ora pronto per avviare l'ultima fase dello studio. «Per quanto promettenti possano essere i risultati delle prime fasi di un trattamento, nessuno può essere sicuro di nulla finché i risultati non vengono confrontati con quelli dei pazienti che ricevono un placebo», ha affermato. Allo studio prenderanno parte circa 155 pazienti affetti da coronavirus. A due terzi di loro verrà somministrato il farmaco e a un terzo un placebo. Lo studio sarà condotto in Israele e potrebbe essere condotto anche in altri luoghi se il numero di pazienti nel Paese non sarà sufficiente. «Speriamo di completarlo entro la fine dell'anno», ha detto Arber. Se i risultati saranno confermati, ha promesso che il trattamento potrà essere reso disponibile in tempi relativamente brevi ea basso costo. «Inoltre, un successo potrebbe aprire l'onda per curare molte altre malattie», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA