Variante indiana, Fimmg denuncia: «Nessuna informazione diretta a medici di famiglia»

Lunedì 26 Aprile 2021
Variante indiana, Fimmg denuncia: «Nessuna informazione diretta a medici di famiglia»

I medici di famiglia non hanno informazioni dirette sulle varianti del Covid ma neanche su altri temi relativi alla pandemia. E' quanto denunciato da Domenico Crisarà, vice segretario della Fimmg e segretario provinciale di Padova del sindacato: «In pratica, il più delle volte sappiamo solo ciò che leggiamo sui giornali. Non c'è un canale diretto. Sarebbe invece fondamentale un coinvolgimento nelle unità di crisi Covid locali, regionali e aziendali».


Variante indiana, Lopalco: «Non altera misure Italia né piano vaccini»

Il segretario Fimmg suggerisce che nei luoghi dove si gestisce l'emergenza pandemica a livello periferico i medici di famiglia dovrebbero essere maggiormente presenti: «Tutte le informazioni, oggi, le abbiamo di rimbalzo, mai per un coinvolgimento diretto o per un confronto senza filtri con i servizi
di prevenzione o con i distretti» continua Crisarà.
 

Vaccini, Veneto, Piemonte e Puglia alzano la voce: «Abbiamo esaurito le scorte»

Tutto questo servirebbe anche a coordinare gli interventi, secondo Crisarà, «siamo noi ad avere il rapporto più diretto con i cittadini. Dovremmo essere quindi presenti dove tutti i problemi, i dati e le scelte pratiche legate alla pandemia vengono discussi e le informazioni vengono scambiate di prima mano» conclude.

Covid, come curarsi a casa senza uso improprio degli antibiotici. Galli: «Se serve l'ossigeno, correre in ospedale»

© RIPRODUZIONE RISERVATA