Coronavirus, virologo francese: «Farmaco anti-malaria può guarirlo»

Martedì 17 Marzo 2020

Un virologo francese annuncia di sapere «come guarire dal Coronavirus». Il medico Didier Raoult, direttore dell'Istituto Mediterraneo per le infezioni di Marsiglia, lo ha annunciato in esclusiva a Les Echos. Raoult ha pubblicato i risultati del suo test clinico sul trattamento del Coronavirus con la clorochina. Tre quarti dei pazienti infettati non sono risultati più portatori del virus dopo 6 giorni di cura con il Plaquenil, uno dei nomi commerciali della clorochina, utilizzata in genere contro la malaria: «associata all'assunzione di antibiotici mirati contro la polmonite batterica (l'azitromicina) - ha detto l'infettivologo, i cui lavori sono fra i più pubblicati al mondo - ha totalmente guarito i pazienti entro una settimana, mentre il 90% dei malati che non hanno assunto i farmaci sono sempre positivi».

Coronavirus, a Roma 57 nuovi casi, nel Lazio sono 84: positivo bimbo di 5 mesi al Gemelli
Coronavirus diretta: piano di aiuti di Stato Ue alle imprese. Europa blindata. Gb, stop a viaggi all'estero

Dopo un primo studio cinese, la vecchia clorochina, farmaco contro la malaria ormai "sessantenne", è stato quindi testato in Francia su pazienti con coronavirus. Il farmaco infatti, è stato somministrato a 24 pazienti e, dopo soli sei giorni, ben tre quarti dei 24 pazienti non erano più positivi al virus. E ancora: in combinazione con l'antibiotico azitromicina, specifico contro la polmonite batterica, il trattamento ha totalmente guarito i pazienti dopo una settimana, mentre il 90% dei malati che non avevano assunto farmaci era ancora positivo.
 

La comunità scientifica francese però smorza i toni, criticando soprattutto l'esiguo numero di pazienti testati e la mancanza di protocolli scientifici rigorosi. La clorochina avrebbe due effetti per accelerare l'eliminazione del virus, spiega Raoult in esclusiva a Les Echos: modificherebbe prima l'ambiente acido del vacuolo della cellula, un piccolo sacchetto di liquidi protetto dalla membrana che serve da tana per i virus. Aumentando il suo pH, l'equilibrato ecosistema di questo 'rifugiò del virus viene ad essere 'scombussolatò e viene così impedita l'azione degli enzimi coinvolti nel meccanismo cellulare utilizzato dal virus per replicarsi. 

Ultimo aggiornamento: 18 Marzo, 08:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA