Variante Delta spinge i contagi nelle scuole elementari in Gran Bretagna: +70% in una settimana

Domenica 27 Giugno 2021 di Simone Pierini
Variante Delta spinge i contagi nelle scuole elementari: boom di casi in Gran Bretagna

La variante Delta si fa largo tra i più giovani. Balzo di casi positivi al Covid nelle scuole elementari della Gran Bretagna in una settimana. Secondo alcuni media britannici, tra cui il Times, i numeri recenti forniti dal governo rivelano che i contagi sono aumentati del 70% nella settimana dal 13 al 20 giugno. Il numero di bambini dai 5 ai 9 anni che è risultato positivo al virus, molti dei quali alla variante Delta, ha registrato un balzo. Inoltre, c'è stato un aumento del 56% tra i ragazzini di età compresa tra i 10 e i 14 anni. Oltre 16mila alunni non sono andati a scuola dopo i sospetti di covid nella terza settimana di giugno, un notevole aumento rispetto ai 10.600 della settimana precedente, scrive il Times.

 

Variante Delta, boom contagi in Russia, Spagna, Tunisia e Gb (anche l'Italia è più a rischio)

 

Contagi e decessi in calo

Contagi e decessi in calo nel Regno Unito nelle ultime 24 ore. Secondo le autorità sanitarie britanniche, sono stati registrati 14.876 nuovi casi ed undici vittime, in discesa rispetto ai 18.270 contagi ed ai 23 morti registrati ieri.

 

 

 

Vaccini, Figliuolo: «L'80% con due dosi entro fine settembre. Su AstraZeneca potevamo comunicare meglio»

 

Domani si decide sulla revoca delle restrizioni

Domani, la Camera dei Comuni si riunirà per un aggiornamento sulla revoca delle restrizioni anti-Covid nel Regno Unito. Dopo aver annunciato che la nuova data per l'allentamento delle misure era stata spostata al 19 luglio, il premier britannico, Boris Johnson, ha precisato che ci sarebbe stata una revisione a metà dei dati su casi di contagio per valutare la possibilità di un anticipo della revoca, addirittura al 5 luglio.

 

Rave party a Maleo, 16 folli ore di 700 no mask: giovani da tutto il Nord, nel Lodigiano focolaio Delta

 

 

 

Nuovo ministro della Salute: «Priorità è fine pandemia»

La «priorità più immediata» è mettere fine «il prima possibile alla pandemia» per un ritorno alla normalità Così il nuovo ministro britannico della Salute, Sajid Javid, nella sua prima intervista dopo la nomina di sabato, cerca di riportare il suo dicastero sulla rotta della lotta al Covid, dopo la deviazione subita a causa dell'affaire che ha portato alle dimissioni di Matt Hancock. «Voglio iniziare dicendo che Matt Hancock ha lavorato in maniera incredibile, ha ottenuto molto, e sono certo che avrà molto altro da offrire alla vita pubblica», ha detto Javid al Telegraph, nel rendere omaggio al suo predecessore. La posizione di Hancock si era fatta insostenibile dopo che erano emerse immagini nelle quali l'ex ministro della Salute baciava la sua assistente e amante Gina Coladangelo, in aperta violazione delle regole di distanziamento sociale per le persone che non appartengono allo stesso nucleo famigliare. A chiedere le sue dimissioni erano ormai non solo le opposizioni, ma anche vari settori del Partito conservatore.

 

Maiorca, 700 ragazzi contagiati e 3.000 in quarantena. Gite in barca e feste: così è nato il maxi focolaio

 

 

 

Variante Delta, Ricciardi: «Vaccini non bastano»

Contro la variante Delta i vaccini al momento non possono bastare da soli, meglio continuare a mantenere le cautele per evitare una nuova ondata pandemica, causata dalle varianti. Lo spiega all'ANSA Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l'emergenza coronavirus e docente di Igiene all'università Cattolica di Roma. Nella difficoltà di raggiungere l'immunità di gregge, con una copertura vaccinale fra il 90 e il 95%, Ricciardi invita quindi ad adottare tutte le cautele nei comportamentali: distanza di sicurezza e mascherina quando non è possibile rispettarla all'aperto, lavaggio e la disinfezione delle mani«. Ricciardi conferma che la variante delta diventerà dominante e per questo aggiunge altre raccomandazioni per evitare una nuova impennata dei casi: »va evitato l'affollamento dei mezzi pubblici« ma anche nelle scuole.

 

Mascherine, via all'aperto da domani. Brusaferro: «Pronti a rimetterle se i contagi saliranno»

 

 

Dalla Cina, variante Delta due volte più contagiosa

«La variante Delta ha una carica virale molto alta e un breve periodo di incubazione che la rende due volte più contagiosa del Covid-19». A lanciare l'allarme è il più importante epidiemologo della Cina, Zhong Nanshan, in un'intervista alla Xinhua. Secondo Zhong, per trovare un equilibrio tra lo sviluppo economico e gli sforzi per combattere la variante, è necessario accelerare la campagna vaccinale e costruire una barriera di immunità nella popolazione. L'epidiemologo sostiene che le analisi preliminari di oltre 100 pazienti nella città di Guangdong mostrano che i vaccini cinesi sono efficaci nel prevenire lo sviluppo della polmonite e di gravi infezioni. A questo proposito, ha lanciato un appello alla popolazione per vaccinarsi. Ad oggi, sono state somministrate in Cina oltre 1,1 miliardo di dosi. «Abbiamo bisogno di vaccinare l'80 per cento delle persone per potere raggiungere la barriera di immunità», ha detto.

 

Variante Delta Italia, ecco il piano: richiami ravvicinati per evitare zone rosse

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA