Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaiolo delle scimmie, due persone positive a Londra. La coppia è in isolamento e sotto osservazione

I sintomi con cui si manifesta sono soprattutto febbre, mal di testa e dolori muscolari e alla schiena

Sabato 14 Maggio 2022
Vaiolo delle scimmie, due nuovi casi in Inghilterra. La coppia è in isolamento e sotto osservazione

Terzo caso nell'ultimo mese di vaiolo delle scimmie a Londra. Una coppia è risultata positiva e monitorata dall'Agenzia di sicurezza sanitaria del regno Unito. Gli ultimi due casi non hanno alcun legame con quello precedentemente già individuato. Il vaiolo delle scimmie non è grave e viene generalmente curato entro poche settimane. I sintomi con cui si manifesta sono soprattutto febbre, mal di testa e dolori muscolari e alla schiena. È possibile che in alcuni casi si presenti anche un'eruzione cutanea. Le autorità britanniche stanno ora indagando sul tracciamento, per capire dove le ultime due persone abbiano contratto il vaiolo delle scimmie.

Degli ultimi due casi, una persona sta ricevendo cure presso l'unità di malattie infettive dell'ospedale di St Mary, l'Imperial College Healthcare NHS Trust di Londra. L'altro è in isolamento e al momento non richiede cure ospedaliere. I funzionari sanitari hanno affermato che stanno indagando su dove è avvenuta la trasmissione e come le persone sono state infettate.

Il tracciamento

Il tracciamento dei contatti è in corso, ha affermato l'agenzia, con informazioni e consigli sanitari a coloro che sono stati in stretto contatto con i casi diagnosticati. Il virus si trova principalmente nelle foreste tropicali dell'Africa centrale e occidentale.

Il dottor Colin Brown, direttore delle infezioni cliniche ed emergenti dell'UKHSA, ha dichiarato: «Abbiamo confermato due nuovi casi di vaiolo delle scimmie in Inghilterra che non sono collegati al caso annunciato il 7 maggio. Mentre le indagini sono in corso per determinare la fonte dell'infezione, è importante sottolineare che non si diffonde facilmente tra le persone e richiede uno stretto contatto personale con una persona sintomatica infetta. Il rischio complessivo per il pubblico rimane molto basso. Stiamo contattando potenziali amici, familiari o contatti nella comunità. Stiamo anche lavorando con il SSN per raggiungere tutti i contatti sanitari che hanno avuto contatti stretti con i casi prima della conferma della loro infezione, per valutarli come necessari e fornire consigli».

Il primo caso il 7 maggio

Il primo caso era stato individuato il 7 maggio scorso. Ha colpito un uomo che di recente ha viaggiato in Nigeria dove si ritiene abbia contratto l'infezione. Il paziente è stato ricoverato in ospedale a Londra, nel reparto di malattie infettive del Guy's and St Thomas' Nhs Foundation Trust, L'infezione può trasmettersi fra contatti stretti, ma il rischio di contagio verso la popolazione generale è molto basso, assicura l'Agenzia Uk. I passeggeri che hanno volato vicini al paziente e verranno contattati non sono considerati infettivi, ma vengono avvertiti così che, in caso di sintomi, possano essere trattati rapidamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci