Effetto vaccini, aumentano le prime dosi tra gli over 50. Gimbe: «Crescita del 28% in una settimana»

Il monitoraggio settimanale segna casi Covid stabili e decessi in aumento

Giovedì 20 Gennaio 2022
Vaccini, aumentano le prime dosi tra gli over 50. Gimbe: «Crescita del 28% in una settimana»

L'obbligo vaccinale voluto dal governo Draghi comincia a dare i primi frutti. Secondo il report settimanale prodotto dalla Fondazione Gimbe, gli over 50 che hanno ricevuto la prima dose sono aumentati del 28%. Nella settimana tra il 12 e il 18 gennaio, i nuovi immunizzati sono 128.966.

Complessivamente, nello stesso arco di tempo i nuovi vaccinati sono stati 510.742 rispetto ai 496.969 della settimana precedente (+2,8%). Restano stabili nella percentuale le nuove vaccinazioni nella fascia 5-11 anni (pari a 240.920).

 

Gimbe: in aumento prime dosi over 50

I contagi Covid sono rimasti sostanzialmente stabili, con una crescita del 3%. L'incidenza, invece, supera i 2000 casi per 100.000 abitanti in 58 province. In crescita quasi del 49,7% i decessi, passati dai 1.514 della settimana che andata dal 5 all'11 gennaio, ai 2.266 della settimana successiva. 

Secondo il monitoraggio Gimbe aumentano del 10,8% i tamponi totali effettuati in sette giorni, passati da 6.926.539 della settimana 5-11 gennaio a 7.672.378 della settimana 12-18 gennaio, con un incremento dei tamponi rapidi (+856.687 pari a +17,8%) a fronte di una leggera flessione di quelli molecolari (-110.848 pari a -5,3%).

La media mobile a 7 giorni del tasso di positività dei tamponi molecolari si riduce ulteriormente (dal 25,4% al 21,2%), mentre rimane stabile (14,4% vs 14%) per gli antigenici rapidi.

TERAPIE INTENSIVE - La percentuale di terapie intensiva occupate da pazienti Covid è stabile al 18% in Italia e, in 24 ore, cresce solo in Basilicata (al 4%), Puglia (14%) mentre cala in 7 regioni: Marche (al 21%), PA Bolzano (17%), PA Trento (21%), Piemonte (23%), Toscana (22%), Umbria (12%), Val d'Aosta (18%). È stabile in Abruzzo (al 20%), Calabria (17%), Campania (12%), Emilia Romagna (17%), Friuli Venezia Giulia (24%), Lazio (22%), Liguria (19%), Lombardia (15%), Molise (3%), Sardegna (13%), Sicilia (20%), Veneto (18%). Questi i dati Agenas del 19 gennaio. Sei sono oltre la soglia del 20% (Friuli Ve, Lazio, Marche, Trento, Toscana, Piemonte). 

 

Ultimo aggiornamento: 11:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci