Vaccino Pfizer o Moderna, chi può fare (e quando) la terza dose? Le risposte e i casi AstraZeneca e J&J

La guida alla terza dose: chi può riceverla e con quale siero

Mercoledì 3 Novembre 2021 di Lorena Loiacono
Vaccino Pfizer o Moderna, chi può fare (e quando) la terza dose? Le risposte e i casi AstraZeneca e J&J

Terza dose: quando farla e, soprattutto, con quale tipo di vaccino? Sono queste le domande più frequenti che si sentono rivolgere i medici di base in questi giorni dai pazienti, confusi dalla nuova ripresa dei contagi. La terza dose infatti è la strada individuata dagli esperti per contrastare il virus nella stagione invernale.

Vaccini, via libera dell'Aifa a booster J&J: seconda dose dopo 6 mesi con Pfizer o Moderna

 

Dose addizionale o booster

Innanzitutto bisogna distinguere tra la dose addizionale e quella che, di fatto, viene considerata un booster. La dose addizionale, che può essere fatta a partire dal 29esimo giorno dopo la fine del primo ciclo vaccinale, riguarda i pazienti più fragili: gli immunodepressi come i malati oncologici. Tutti coloro che, quindi, si sono vaccinati per primi chiudendo il primo ciclo già nella primavera. È possibile utilizzare come dose addizionale “uno qualsiasi dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia, Comirnaty di BioNTech/Pfizer e Spikevax di Moderna”.

La dose cosiddetta “booster”, invece, deve essere intesa come il classico richiamo del vaccino e viene somministrata a sei mesi dalla fine del primo ciclo vaccinale. Anche in questo caso sono autorizzate le somministrazioni di Comirnaty di BioNTech/Pfizer come richiamo di un ciclo vaccinale primario. 

 

Categorie prioritarie 

La dose booster, per ora, riguarda gli over 80, il personale e gli ospiti dei presidi residenziali per anziani; il personale sanitario e gli operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, secondo le attuali indicazioni; le persone con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti di età uguale o maggiore di 18 anni e, per il momento in ultima posizione, gli over 60.

Vaccinazione eterologa

La terza dose viene quindi somministrata con i vaccini a mRNA (Pfizer o Moderna), ma allora chi ha avuto AstraZeneca e J&J come deve comportarsi? In questi due casi si procede con la vaccinazione cosiddetta eterologa che, secondo i dati, porterebbe ad una migliore risposta immunitaria. Quindi chi ha avuto le due dosi di Astrazeneca può fare la terza dopo sei mesi con un vaccino a mRNA. Chi ha avuto invece la monodose Jansen può procedere con la seconda dose, sempre dopo sei mesi, richiedendo quindi anche in questo caso un vaccino a mRNA: Pfizer o Moderna.

 

 

Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 16:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA