Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Smartphone, i rischi per i bambini: dipendenza, problemi alla vista, disattenzione. Lo studio

Secondo le guida dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù è importante un uso consapevole e guidato dello smartphone fin dalla tenera età

Martedì 20 Settembre 2022 di Sofia Raffa
Smartphone, i rischi per i bambini: dipendenza, problemi alla vista, disattenzione. Lo studio

«In Italia l'85% degli adolescenti tra 11 e 17 anni usa quotidianamente lo smartphone e il 72% naviga su internet tutti i giorni. [...] In media la maggior parte di loro trascorre dalle 3 alle 6 ore al giorno con il telefono, che viene persino usato a scuola durante le lezioni».

Queste le statistiche riportate dalla guida “Adolescenti e smartphone" dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù che denuncia l'uso smodato da parte dei giovani d'oggi del cellulare, anche e soprattutto senza supervisione di un adulto che invece quando è presente è spesso controproducente e fallimentare. 

I rischi che un adolescente può correre se utillizza troppo il cellulare sono:

  • dipendenza dalla tecnologia
  • isolamento (quando lo smartphone diventa un rifugio)
  • impatto negativo sul ritmo arcadiano (ore di sonno)
  • problemi di apprendimento
  • disattenzione
  • problemi di vista
  • dolori articolari a collo e spalle

Un attento controllo da parte di un adulto può essere cruciale per far sì che il teenager impari ad usare il proprio cellulare in maniera appropriata ma, secondo i pediatri, è un percorso che va cominciato prima dell'adolescenza. E' quindi importante favorire un dialogo aperto, illustrando l'uso positivo e intelligente dei dispositivi tecnologici e facendo attenzione ai contenuti che vengono pubblicati e letti. Un aspetto positivo è quello dell'interazione online che può servire ai giovani per uscire dalla timidezza e dall'isolamento e relazionarsi con gli altri, senza preoccuparsi, per esempio, di come gli altri valutano il loro aspetto fisico. O anche per gli adolescenti depressi che, se utilizzano lo smartphone in maniera adeguata, possono usufruire di un aiuto per migliorare l'umore, sentirsi più autonomi e indipendenti, essere accettati dai coetanei e aumentare l'autostima. 

Tanti lati negativi ma anche alcuni positivi: l'importante, secondo le guida dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù, è un uso consapevole e guidato dello smartphone fin dalla tenera età, evitando comportamenti errati che possano sfociare, nei casi più estremi, anche in malattie psichiatriche.  

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 09:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci