Ricciardi: serve un altro lockdown, in 8 giorni stabilizzerebbe la curva

Lunedì 26 Ottobre 2020
​Ricciardi: necessario un altro lockdown per abbattere indice di contagio

«Per abbattere l'indice di contagio del Covid serve un altro lockdown vero». A dirlo è Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene all'Università Cattolica del Sacro Cuore e consigliere del ministro della Salute, intervenuto oggi al webinar «Oltre l'emergenza» che si è svolto oggi in modalità virtuale a Veronafiere. «La via da seguire - ha spiegato - è quella delineata da una ricerca dell'Università di Edimburgo, pubblicata su Lancet la scorsa settimana: è necessario un altro lockdown».

LEGGI ANCHE ​Covid Italia, ecco la mappa del rischio provincia per provincia

Secondo Ricciardi, come emerso dal webinar che ne ha diffuso il testo, «per ridurre l'indice di contagio del 24% è necessario un lockdown, un'altra riduzione del 15% si avrebbe con la chiusura delle scuole, un altro 13% con lo smartworking generalizzato nel pubblico e nel privato e un 7% con interventi sul trasporto pubblico».

Secondo Ricciardi «in Europa la situazione è fuori controllo perché i governi esitano a prendere le decisioni coraggiose che servono al momento giusto, anticipando il virus e non rincorrendolo». Riferendosi alle misure adottate dagli ultimi Dpcm, ha aggiunto: «Il coronavirus non si riesce a contenere: è necessario mitigare, e questo avviene solo con dei lockdown veri, non con queste misure di facciata. Se abbiniamo gli strumenti tecnologici che abbiamo al pensiero razionale possiamo invertire la curva e affrontare un inverno non così drammatico come invece si sta prospettando». In Italia, «con un indice di contagio pari a 2,5 e decine di migliaia di focolai»

 

 

L'insieme di lockdown e le altre procedure elencate, spiega Ricciardi, «in otto giorni stabilizzerebbero e farebbero poi calare drasticamente la curva del contagio. Affidarsi alla responsabilità dei singoli cittadini, nella migliore delle ipotesi, porterebbe invece ad una riduzione dei contagi di appena il 3%». 

Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 06:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA