Gran Bretagna, il "peggior raffreddore di sempre" dilaga: giorni di starnuti, non è il Covid

Venerdì 8 Ottobre 2021 di Giampiero Valenza
Gran Bretagna, il "peggior raffreddore di sempre" dilaga: giorni di starnuti, non è il Covid
1

Non ha un nome, non è una variante del Covid, ma nel Regno Unito lo hanno chiamato subito “il peggior raffreddore di sempre”. Diverse persone stanno segnalando di avere questa malattia che non riescono a superare in breve tempo e si sentono fortemente “svuotati” e “spossati”. Settimane di starnuti che sembrano infiniti.

Il nome, secondo quanto racconta la Bbc, è stato dato da una 24enne di Bournemouth, Rebecca London. Per descriverlo, lei lo ha definito proprio così, “il peggiore di sempre”. Non ha avuto solo qualche giorno di starnuti. “Ho dormito a malapena, mi svegliavo di notte solo con la tosse, avevo il naso che colava costantemente e mi sentivo così stanca”, ha raccontato.

Cinque calciatori inglesi (tre erano agli Europei) sono No vax: «I vaccini un complotto per spiarci»

È il medico di base londinese Philippa Kaye a raccontare che i numeri del raffreddore nella capitale britannica sono già alti e sembrano quelli di un normale inverno. Probabilmente il picco è dovuto proprio all’allentamento delle restrizioni sul Covid. «Abbiamo assistito a un aumento del numero dei casi di tosse, raffreddore e infezioni virali», dice.

Le segnalazioni sono sempre maggiori in tutto il Paese. Molte arrivano dal Nordovest, nel Merseyside. Una donna, stando al tabloid britannico Daily Mirror, racconta di essere rimasta “totalmente sconvolta” dagli effetti di questo super-raffreddore per settimane.

Wuhan, il piano degli scienziati 18 mesi prima della pandemia: «Infettare i pipistrelli con il virus potenziato»

Ma cosa si può fare se si ha il “peggior raffreddore di sempre”? Un test-tampone può escludere la positività al Sars Cov-2, il virus che causa la Covid-19. Se è solo un raffreddore i sintomi possono essere gestiti a casa. E valgono anche qui i consigli tradizionali: riposare, stare al caldo, bere acqua. Se i sintomi non migliorano dopo 3 settimane, o se peggiorano improvvisamente o se si è persone delle categorie a rischio, è buona regola chiedere consiglio al medico.

 

 

Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre, 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA