Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron 5, un altro vaccino già ad agosto? Moderna annuncia il nuovo booster bivalente: «Funziona contro le varianti»

L'azienda americana annuncia che mRNA-1273.214, così si chiama al momento il prodotto, mostra «una potente risposta anticorpale neutralizzante contro le sottovarianti di Omicron BA.4 e BA.5»

Mercoledì 22 Giugno 2022 di Simone Pierini
Omicron 5, quarta dose già ad agosto? Moderna annuncia il vaccino aggiornato: ecco il booster bivalente

Omicron 5 ha iniziato a correre, incurante del caldo che aveva bloccato la diffusione delle precedenti varianti concedendo mesi di parziale tranquillità durante il periodo estivo. La nuova versione del Covid che sta circolando in queste settimane ha mostrato un livello di contagiosità altissimo e le aziende farmaceutiche stanno accelerando la produzione del vaccino aggiornato. 

 

 

Booster Moderna pronto ad agosto

La domanda dei cittadini è quindi spontanea: quando faremo la quarta dose? Si partirà con un booster già questa estate, anticipando le previsioni di un richiamo previsto in autunno? A dettare i tempi saranno i dati provenienti dagli studi clinici e le successive approvazioni degli enti regolatori come Fda per gli Stati Uniti e Ema per l'Europa. È di oggi però l'annuncio di Moderna che ha presentato i primi numeri sulle potenzialità del nuovo booster bivalente che sarebbe capacità di rispondere anche alle nuove Omicron BA.4 e BA.5. L'azienda americana annuncia che mRNA-1273.214, così si chiama al momento il prodotto, mostra «una potente risposta anticorpale neutralizzante contro le sottovarianti di Omicron BA.4 e BA.5». I nuovi dati verranno inviati alle autorità regolatorie e per una pubblicazione peer reviewed. «Ci stiamo preparando a fornire il nostro vaccino booster bivalente» anti-Covid «a partire da agosto, in vista di un potenziale aumento delle infezioni Sars-CoV-2 a causa delle sottovarianti di Omicron all'inizio dell'autunno». Lo annuncia Stéphane Bancel, Ceo dell'azienda americana Moderna che oggi ha riferito per il candidato vaccino mRna-1273.214 «potenti risposte anticorpali neutralizzanti» contro BA.4 e BA.5, Omicron 4 e 5.

 

 

 

 

La velocità di Omicron 5

«Eravamo già in pre allerta per un rialzo dei contagi» Covid «in autunno, ma la presenza di questa nuova variante Omicron BA.5 ci ha sorpreso. Questo virus presenta una contagiosità estrema, superiore addirittura a quella del morbillo e della varicella, con un R0 che oscilla tra i 15 e i 17: basti pensare che la variante Wuhan», quella originaria, «aveva un R0 di 2,5, mentre la Delta di 7. Questi valori rappresentano il numero medio di casi secondari rispetto a un caso indice, quindi» sono «valori che la rendono molto più temibile: una persona» infettata da BA.5 «può contagiarne altre 15 o 17». Ad ammonire sulla super trasmissibilità della sottovariante Omicron 5, destinata a diventare dominante anche in Italia, è il virologo Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene all'università Statale di Milano e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi.

 

 

Booster Moderna, come funziona: ecco i primi dati

Il candidato vaccino mRna-1273.214 combina il candidato booster specifico per Omicron mRna-1273.529 con il vaccino anti-Covid Spikevax* (mRna-1273). «Un mese dopo la somministrazione, in persone precedentemente vaccinate e sottoposte a richiamo - riferisce Moderna in una nota - una dose booster di 50 microgrammi di mRNA-1273.214 ha suscitato» contro Omicron 4 e 5 «potenti risposte anticorpali neutralizzanti in tutti i partecipanti, indipendentemente dal fatto che avessero avuto o meno un'infezione precedente» da Sars-CoV-2. Nel dettaglio, si legge, «mRNA-1273.214 ha potenziato i titoli neutralizzanti contro BA.4/BA.5 di 5,4 volte sopra il livello basale in tutti i partecipanti» allo studio, «indipendentemente da un'infezione precedente, e di 6,3 volte nel sottogruppo dei partecipanti sieronegativi», ossia che non avevano avuto Covid. «Di fronte alla continua evoluzione di Sars-CoV-2 - commenta Stéphane Bancel, Ceo di Moderna - siamo molto incoraggiati dal fatto che mRNA-1273.214, il nostro principale candidato booster per l'autuno, abbia mostrato titoli neutralizzanti elevati contro le sottovarianti BA.4 e BA.5, che rappresentano una minaccia emergente per la salute pubblica globale».

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA