Mascherine al chiuso, via nei locali e allo stadio ma restano per trasporti, uffici e scuole

Nuovo boom di casi in Italia, 186 vittime

Giovedì 28 Aprile 2022 di Gianluca De Rossi
Mascherine al chiuso, via nei locali e allo stadio ma restano per bus e uffici

Con le mascherine al chiuso dovremo convivere ancora almeno per qualche settimana, forse per tutto il mese di maggio. Oggi verrà presa la decisione dal ea decisione le nuove regole per l'uso delle mascherine al chiuso sarà un emendamento al decreto legge del 24 marzo, quello che ha sancito la fine dello stato di emergenza, e poi un'ordinanza del ministro della Salute . Quindi dovrebbe essere prorogato l'obbligo di indossare le mascherine in alcuni luoghi come trasporti, ospedali, cinema, teatri. E anche sul posto di lavoro. Dal 1° maggio, poi, cambiano le regole per il Green pass .

Mascherine al chiuso, cosa cambia

 

Tutto questo mentre il Covid rialza la testa: crescono del 3,5% i ricoveri, afferma la Federazione aziende sanitarie e ospedaliere. E sul banco degli imputati è finito il weekend di Pasqua, con i pranzi in famiglia e lo scambio di auguri. Il boom dei contagi lo rivela il bollettino quotidiano del ministero della Salute, che ieri ha registrato quasi 88mila nuovi casi in 24 ore, mentre martedì erano stati 29.575, con 186 vittime, in aumento rispetto alle 146 di due giorni fa.

Mascherine, dove si portano ancora all'estero? La guida Paese per Paese per riprendere a viaggiare


GREEN PASS
Dal 1° maggio non sarà più necessaria la certificazione verde per accedere nelle mense, agli spettacoli al chiuso (cinema, teatri), agli eventi sportivi, ai centri benessere, alle attività sportive al chiuso (negli spogliatoi), a convegni e congressi, ai corsi di formazione, alle aule universitarie, ai centri culturali, sociali e ricreativi, ai concorsi pubblici, alle sale gioco, sale scommesse, bingo e casinò, ai colloqui visivi in presenza con i detenuti negli istituti penitenziari, alle feste al chiuso e discoteche, sui mezzi di trasporto.

 


Oggi, tuttavia, il governo potrebbe suggerire alcune linee di indirizzo, come, ad esempio, che il Green pass resti obbligatorio anche oltre il 30 aprile per entrare negli ospedali e nelle strutture sanitarie.
Sempre da maggio non sarà più necessario esibire il Green pass per entrare nei luoghi di lavoro e nei locali pubblici, bar e ristoranti. Unica eccezione, «gli esercenti le professioni sanitarie e dei lavoratori negli ospedali e nelle Rsa, per cui resta la sospensione dal lavoro per chi non si vaccina, fino al 31 dicembre».

Green pass, mascherine al chiuso: cosa cambia dal 1° maggio? Lavoro, trasporti, scuola, bar e ristoranti Domande e risposte


LAVORO E SCUOLA
Per quanto riguarda le mascherine, al lavoro dovrebbe essere mantenuto l'obbligo del loro uso ancora per qualche settimana: «Secondo la mia personale opinione, nelle prossime 2-3 settimane le mascherine dovrebbero essere tenute al chiuso anche negli ambienti di lavoro», dice il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. Mascherine obbligatorie al chiuso, dunque, sia negli uffici pubblici sia per quanto riguarda i lavoratori del settore privato. In un primo momento era stata ventilata l'ipotesi che le aziende private potessero decidere autonomamente, caso per caso, se continuare ad obbligare i lavoratori all'uso della mascherina al chiuso oppure no, ma ora sembra tramontare l'ipotesi che questa discrezionalità possa essere lasciata dal governo ai datori di lavoro. «Si sta ancora discutendo per arrivare a trovare una sintesi», dice il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.
A scuola e sui trasporti pubblici dovrebbe restare l'obbligatorietà dell'uso della mascherina Ffp2. E tale indicazione potrebbe rimanere anche per aerei, treni e navi. Anche nei cinema, teatri, sale concerto e discoteche potrebbe essere mantenuta l'obbligatorietà dell'uso della mascherina. Per le mascherine «si continua a mantenere l'obbligo al chiuso e riservarlo in alcune situazioni - dice Costa -. La proroga dovrebbe essere di un mese, per tutto maggio, nei trasporti pubblici e poi cinema e teatri. Altrove basta una raccomandazione: indossarla nei luoghi dove c'è un affollamento maggiore. Ragioniamo per arrivare a un'estate senza restrizioni». Una riflessione viene fatta da Costa anche sull'uso della mascherina al chiuso in discoteca: «Pensare all'obbligo delle mascherine all'interno delle discoteche è irreale e utopistico».

Estate 2022, le regole in spiaggia: addio mascherine, tornano giochi e balli di gruppo. Cadono le regole sul distanziamento


«Abbandonare l'uso della mascherina al chiuso a maggio non è una buona idea - sostiene l'epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di igiene all'Università del Salento -. La circolazione virale resterà probabilmente su livelli elevati per la maggior parte del mese. Sarebbe più prudente spostare questa decisione in avanti, a giugno».


Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 14:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci