Mascherina, ecco come vincere la dermatite che provoca arrossamenti e bruciore tra naso e bocca:

Lunedì 18 Maggio 2020
Operaio in fabbrica (Foto Marco Giugliarelli)

Problema numero uno: con il caldo, dopo un po', non si respira tanto bene, il sudore si addensa tra naso e bocca e se poi si portano gli occhiali, nonostante tutti i tutotial che uno ha fatto, questi alla fine risultano appannati. Problema numero due: se si portano per tante ore dopo un po' la zona si arrossa e prude. Il muro al Sars-Cov2, la mitica mascherina, presenta qualche inconveniente. 

Mascherine riducono il rischio di contagio fino al 75%, il risultato in uno studio sui criceti

«Si stanno già vedendo - spiega Adam Friedman, dermatologo della George Washington University -, dei picchi nelle irritazioni della pelle, dalle infiammazioni con arrossamenti dolorosi a piccoli gruppi di bolle intorno al naso e alla bocca. Se si uniscono il respiro intrappolato, il sudore e il grasso della pelle si finisce con il creare un ambiente umido sotto la maschera. Questo aumenta il rischio di irritazioni».


LA SOLUZIONE
Innanzitutto bisogna tenere la pelle sempre ben pulita e idratata, anche per evitare che si accentuino le rughette attorno al viso. E poi bisogna scegliere materiali traspiranti. Sono questi alcuni consigli degli esperti Usa per evitare irritazioni dovute all'uso prolungato delle mascherine, raccolti dal sito della Cnbc. 

Il primo dei cinque passi individuati dagli esperti è «scegliere mascherine fatte con tessuti traspiranti e naturali, possibilmente 100% cotone». Poi occorre individuare l'esatta causa del problema. «Alcune persone possono essere allergiche agli adesivi, ai coloranti, o anche ai detergenti che si usano per la maschera - spiega Noelani E. Gonzalez, del Mount Sinai West di New York -. Se l'irritazione è sulla punta del naso potrebbe essere per la striscia adesiva che si trova su alcune maschere. Se è dietro le orecchie potrebbero essere i lacci». Una crema idratante applicata ogni due ore è il metodo migliore per evitare sfregamenti con il tessuto, aggiungono gli autori, ed è buona norma lavare bene il viso prima e dopo aver indossato la mascherina, limitando il più possibile il trucco. Se il problema non si risolve in pochi giorni, concludono gli esperti, è il caso di consultare un dermatologo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci