Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maria Elia, 17enne morta a Perugia, il legale: «Forse influenza suina fra le cause». Tre nuovi casi positivi in Piemonte

Lunedì 4 Aprile 2022
Peste suina, tre nuovi positivi in Piemonte: i casi totali salgono a 83

Tre nuovi casi di peste suina africana accertati in Piemonte dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d'Aosta. Le tre positività sono state riscontrate in provincia di Alessandria, a Fraconalto (seconda positività da quando è iniziata l'emergenza), Ovada (settima) e Prasco (prima). I casi positivi salgono così a 83, di cui 51 in Piemonte e 32 in Liguria.

Peste suina, allarme in tutto il mondo. L'Oms: «È in 50 Paesi, situazione mai così difficile»

Maria Elia morta a Perugia, l'avvocato: «Ipotesi influenza suina»

L'influenza suina potrebbe essere una delle cause della morte di Maria Elia, la 17enne deceduta all'ospedale di Perugia. Lo sostiene l'avvocato della famiglia, Antonio Cozza, sentito dall'Ansa. Per una conferma ufficiale, tuttavia, bisognerà attendere gli esami istologici avvenuti durante l'autopsia. L'ipotesi è che Maria Elia sia stata uccisa da una polmonite fulminante, forse provocata dall'azione congiunta di un virus, quello della suina, e di un batterio. La conferma dal punto di vista medico-legale, ha sottolineato l'avvocato Cozza, dovrà arrivare dalla medicina e dal lavoro dei consulenti e dei periti.

 

Secondo gli studi dell'Iss sulla suina, «la polmonite virale primaria è la complicanza più comune nei casi più gravi ed è frequentemente causa di morte». Gli inquirenti, sempre secondo quanto risulta all'Ansa, stanno valutando l'ipotesi di un virus. Sulla vicenda, dopo una denuncia presentata dai familiari, la procura della Repubblica di Perugia ha infatti aperto un fascicolo nel quale è stato ipotizzato l'omicidio colposo contro ignoti ed è stata disposta l'autopsia. Esame eseguito giovedì, che non ha però chiarito le cause della morte della studentessa, che frequentava l'istituto Ipsia Cavour-Marconi-Pascal di Piscille, nel capoluogo umbro.

Ultimo aggiornamento: 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci