Covid, Sestili: «Riapertura scuole non ha causato aumento contagi, cauto ottimismo»

Giovedì 23 Settembre 2021
Covid, Sestili: «Riapertura scuole non ha causato aumento contagi, cauto ottimismo»

Il ritorno in classe non ha causato un significativo aumento dei contagi. Lo rileva il fisico Giorgio Sestili: «A dieci giorni dalla riapertura delle scuole non si vedano al momento segni di risalita dei contagi da Covid». Il fondatore della pagina "Coronavirus - Dati e analisi scientifiche" pur sottolineando come sia «molto presto per trarre conclusioni», suggerisce un «cauto ottimismo». «La situazione è buona: il numero dei contagi continua a scendere, come quello dei ricoverati nelle unità di terapia intensiva; i decessi sono stabili», ha detto all'Ansa.

Il Covid «si indebolirà e diventerà come un normale raffreddore»: la rivelazione della scienziata che ha creato il vaccino

Covid, nessun segnale di risalita dei contagi

Un altro segnale di stabilità è poi il Covindex, l'indice confrontabile all'indice di contagio Rt e che viene calcolato sulla base del rapporto tra il numero dei nuovi casi positivi e i tamponi eseguiti: «Attualmente - spiega Sestili - è pari a 0,86, indica cioè una fase di decrescita dei contagi, ed è stabile sotto il valore 1 da diverso tempo: questo significa che non ci sono al momento segnali di risalita». È una situazione complessiva che induce a un «cauto ottimismo sul fatto che le aperture stiano andando bene, ma prima di trarre conclusioni è necessario avere dati più consolidati», aggiunge il fisico.

I dati delle Regioni

Sono buoni anche i dati delle Regioni, tutte con un'incidenza inferiore a 100 casi ogni 100.000 abitanti. Sette registrano un'incidenza superiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti e l'unica a mostrare un incremento è la Valle d'Aosta, con un aumento di casi del 33% superiore rispetto a quello della settimana precedente. C'è però da osservare che, con 19 casi ogni 100.000 abitanti, la Valle d'Aosta è la regione che dopo il Molise (15 casi ogni 100.000 abitanti) ha la più bassa incidenza in Italia: «Quando i casi sono pochi - osserva Sestili - anche un piccolo aumento può corrispondere a un incremento significativo».

La prima ipotesi sulla stabilità della situazione dell'epidemia, per Sestili, è legata al ruolo dei vaccini: «Con una vaccinazione ormai così diffusa e con vaccini che proteggono dai sintomi gravi ma non dal contagio, l'idea è che aumenti enormemente il sommerso: vale a dire - rileva - che in tanti potrebbero avere l'infezione ma, non avendo sintomi, non fanno i tamponi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA