Covid Italia, bollettino di oggi 16 ottobre: 10.010 nuovi contagi e 55 morti. Oltre 150mila tamponi

Venerdì 16 Ottobre 2020
Covid Italia, bollettino di oggi 16 ottobre: 10.010 nuovi contagi e 55 morti

Covid Italia, il bollettino di oggi 16 ottobre 2020. Sono 10.010 i nuovi contagi da coronavirus in Italia. I morti sono 55 nelle ultime 24 ore. Superano quota 150mila (150.377) i tamponi. La Regione con il maggior numero di casi è la Lombardia con 2.419, seguita dalla Campania con 1.261 e dal Piemonte con 821. Il numero degli attualmente contagiati sale a 107.312 di cui 6.178 ricoverati con sintomi (+382) e 638 in terapia intensiva (+52). Sono in isolamento domiciliare 100.496 pazienti mentre sono guarite o sono state dimesse 1.908 persone. 

 

Covid, l'appello dei medici: «Giunto il momento per auto-lockdown»

Covid, incidenza positivi-tamponi sale a 6.6%: aumentano ricoveri e terapie intensive

 

Sale al 6,6% la percentuale di positivi al Covid in Italia per tamponi effettuati. È quanto emerge da un'analisi dei dati del bollettino odierno del ministero della Salute. Aumentano ancora i ricoveri: nelle ultime 24 ore sono stati 382 in più rispetto a ieri (complessivamente 6.178). In aumento anche le terapie intensive (+52), ora in tutto 638. Superata quota 100mila per i malati in isolamento domiciliare (+8.230, in tutto 100.496). Rispetto a ieri sono stati effettuati circa 12.500 tamponi in meno: oggi 150.377. Gli attualmente positivi sono 107.312 (+8.046). I decessi hanno raggiunto la cifra di 36.427 (+55). I guariti sono 247.872 (1.908).

 

I dati delle Regioni

 

Lombardia

Record di nuovi positivi in Lombardia: sono 2.419, con 30.587 tamponi effettuati, per una percentuale che dal 6.3% di ieri sale al 7,9%. Più della metà dei nuovi casi sono a Milano, dove ci sono 1.319 nuovi contagi, di cui 604 a Milano città, mentre ieri erano 1.053. I nuovi decessi sono 7 per un totale complessivo di 17.044 morti in regione dall'inizio della pandemia. Sono in calo i posti occupati in terapia in terapia intensiva (-1, 71), mentre crescono i posti letto occupati negli altri reparti (+108, 834).

 

 

Campania

È di 1.261 nuovi positivi, 3 morti e 148 guariti il bilancio odierno contenuto nel bollettino diffuso dall'Unità di crisi della Regione Campania. Dei 1.261 nuovi positivi, dato già anticipato dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, 68 sono sintomatici e 1.193 sono asintomatici. Il totale dei positivi in Campania dall'inizio dell'emergenza è 23.033, mentre sono 737.227 i tamponi complessivamente esaminati (+14.222 rispetto a ieri). Sono 3 i nuovi decessi legati al coronavirus, con il totale dei deceduti in Campania dall'inizio dell'emergenza che sale a 499. Sono infine 148 i nuovi guariti, per un  totale di 8.180 guariti.

LEGGI ANCHE Covid Campania, 1.261 nuovi contagi in un giorno: oltre 14 mila tamponi. De Luca: coprifuoco per Halloween

 

 

Piemonte 

È di quattro decessi e 821 nuovi contagi (487 gli asintomatici), rispetto ai 1033 di ieri, il bilancio dell'emergenza coronavirus nelle ultime 24 ore in Piemonte. Aumentano ancora i ricoveri: sono 43 quelli in terapia intensiva (+3) e 658 quelli non in terapia intensiva (+63). Le persone in isolamento sono 7.537. I tamponi diagnostici finora processati sono 838.419 (+ 9.707rispetto a ieri), di cui 451.952risultati negativi. L'Unità di crisi regionale segnala anche 85 nuovi guariti rispetto a ieri, con altri 509 piemontesi in via di guarigione. Dall'inizio della pandemia, dunque, in Piemonte ci sono stati 4.194 decessi e 41.895 positivi, mentre i guariti sono 29.134.

 

Lazio

Su quasi 20 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 795 casi, 5 decessi e 78 guariti. «Siamo ad un livello arancione, temo un peggioramento della situazione. Salgono i casi testati e salgono i positivi ed è stato avviato un forte monitoraggio sulla rete ospedaliera con lo stop alle accettazioni no COVID a Spallanzani», spiega l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato.

LEGGI ANCHE Covid Lazio, bollettino di oggi 16 ottobre: 795 casi e 5 morti (342 contagi a Roma). D'Amato: «Temo un peggioramento»

 

Veneto

«Ci sono 704 positivi in più rispetto a ieri che portano il totale dei positivi a 34.277» in Veneto e «sette morti nelle ultime 24 ore». Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia in conferenza stampa. «In isolamento ci sono 13.873 persone, 900 persone in più rispetto a ieri - ha aggiunto - Il totale dei morti è di 2.244. I ricoverati sono 396 mentre i pazienti in terapia intensiva sono 47. I dimessi 4.329, 20 in più rispetto a ieri».

 

Toscana

Non si ferma la corsa al rialzo e ai record nella conta dei nuovi casi di Covid in Toscana. Oggi il bollettino diffuso dalla Regione parla di altri 755 contagi (il 10% dei controllati), con una crescita del 3,7% rispetto a ieri quando i nuovi positivi erano stati 581, portando il totale a 21.017 da febbraio. Gli attualmente malati sono 8.515, + 7,7%: «Solo 359 sono comunque ricoverati in ospedale (37 in più rispetto a ieri), di cui 51 in terapia intensiva (5 in più) - spiega la Regione -. Gli altri si trovano in isolamento a casa». In totale nelle ultime ventiquattro ore sono stati analizzati 11.500 tamponi. Sempre oggi si registrano due decessi - uno in provincia di Massa Carrara e l'altro nell'area fiorentina, età media 82 anni - che portano a 1.187 i pazienti morti da inizio pandemia.

 

Emilia-Romagna

Sono 544 i nuovi contagi al Covid in Emilia-Romagna, registrati nelle ultime 24 ore, quando è stato registrato anche un altro morto, una donna di 95 anni in provincia di Piacenza. Sono stati fatti 13.563 tamponi e, dei nuovi casi, 252 sono asintomatici e 169 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone. Continuano a crescere a ritmo molto sostenuto i ricoveri: sono 61 i pazienti in terapia intensiva (+12 rispetto a ieri) e 404(sempre +12 da ieri) quelli ricoverati negli altri reparti Covid. Per quanto riguarda la situazione nelle province, i numeri più elevati si registrano in quelle di Bologna (110), Reggio Emilia (77), Piacenza (61).

 

Sicilia

Continua a crescere la curva dei contagi in Sicilia, dove, secondo l'ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute, sono 578 i casi registrati nelle ultime 24 ore nell'Isola a fronte di oltre 7.700 tamponi processati. Rispetto a ieri sono 9 i ricoveri in più e 121 le persone guarite. Anche gli accessi in terapia intensiva vedono un incremento lieve: sei pazienti in più rispetto alla giornata di ieri. Dieci le vittime. Questa la ripartizione su base provinciale dei nuovi casi: 173 a Palermo, 154 a Catania, 43 a Messina, 58 a Trapani, 22 a Siracusa, 15 a Ragusa, 11 a Enna, 76 ad Agrigento, 26 a Caltanissetta, 

 

Puglia 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi in Puglia, sono stati registrati 5582 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 313 casi positivi: 162 in provincia di Bari, 8 in provincia di Brindisi, 40 nella provincia BAT, 45 in provincia di Foggia, 5 in provincia di Lecce, 52 in provincia di Taranto, 1 provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 5 decessi: 2 in provincia di Bari, 1 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 478.743 test. Sono 5431 i pazienti guariti, 4.673 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 10.734, così suddivisi: 4470 nella Provincia di Bari; 1009 nella Provincia di Bat; 837 nella Provincia di Brindisi; 2532 nella Provincia di Foggia; 924 nella Provincia di Lecce; 877 nella Provincia di Taranto; 80 attribuiti a residenti fuori regione; 5 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

 

Abruzzo

Sono 178 i nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Si tratta del secondo dato più alto registrato dall'inizio dell'emergenza dopo il record di ieri di 203 nuovi positivi. Dei nuovi casi, 86 dei quali riferiti a tracciamenti di focolai già noti, 89 riguardano la provincia dell'Aquila, 36 quella di Teramo, 32 il Chietino e 15 il Pescarese. Il totale regionale sale a quota 5.725. Non si registrano decessi recenti: il bilancio delle vittime è fermo a 491. Superata quota duemila attualmente positivi, mentre aumentano i ricoveri. I nuovi pazienti hanno età compresa tra 1 e 92 anni. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 27: 17 in provincia dell'Aquila, cinque in provincia di Pescara, due in provincia di Chieti e tre in provincia di Teramo. Gli attualmente positivi al virus, 167 in più, sono 2.160: 167 pazienti (+8 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 11 (+1) in terapia intensiva. Gli altri 1.972 (+148) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I guariti sono 3.174 (+10). Dall'inizio dell'emergenza sono stati eseguiti complessivamente 237.943 test (+3.668).

 

Sardegna

Sono 5.603 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale i nuovi casi scendono a 133 dopo il record di ieri di 186. Dei 133, 87 sono stati rilevati attraverso attività di screening e 46 da sospetto diagnostico. Si registrano due decessi, una donna di 60 anni e un uomo di 62, entrambi residenti nell'area del Sud Sardegna. Le vittime sono in tutto 171. In totale sono stati eseguiti 223.779 tamponi con un incremento di 2.450 test rispetto all'ultimo aggiornamento.

Sono invece 187 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+7 rispetto al dato di ieri), mentre è di 29 (+1) il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 2.879. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 2.432 (+68) pazienti guariti, più altri 38 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 5.736 casi positivi complessivamente accertati, 904 (+23) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 777 (+20) nel Sud Sardegna, 433 (+6) a Oristano, 890 (+36) a Nuoro, 2.732 (+48) a Sassari.

 

Trentino

Si è registrato oggi un nuovo decesso per coronavirus in Trentino. Lo ha reso noto, in conferenza stampa, l'assessore provinciale alla sanità Stefania Segnana. Le persone risultate positive al tampone molecolare nelle ultime 24 ore sono 111, a fronte di 2.640 tamponi processati. Dei nuovi contagi, 29 persone hanno più di 70 anni, nove sono tra i zero e i 5 anni e 13 tra i sei e i 15 anni. Due contagi sono avvenuti in una Rsa differente dalla struttura di Montagnaga, dove prosegue l'infezione legata al focolaio dei giorni scorsi. Non vi sono persone in terapia intensiva, mentre i ricoverati sono 33. Le persone in isolamento sono 705, oltre duemila sono in quarantena. Le classi in quarantena sono 50. Per quanto riguarda il decesso, invece, non sono state fornite, per volere della famiglia, indicazioni su età e sesso della vittima.

«La situazione sta peggiorando a livello europeo e in Italia. In Trentino siamo in una fase che si sta aggravando: siamo ancora a zero terapie intensive, ma ciò che accade nelle altre regioni ci mette in allarme. Al momento non riteniamo che vi sia la necessità di chiudere scuole, come in Campania. L'auspicio è che il Governo intervenga con criterio di proporzionalità in base alle situazioni dei territorio», ha detto il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti.

 

Calabria

Boom di contagi nelle ultime 24 ore in Calabria. I positivi sono cresciti di 102 unità contro i 39 di ieri. È il numero più alto registrato dall'inizio della pandemia. In primavera il numero più alto fu registrato il 27 marzo quando i contagi giornalieri furono 101. Rispetto ad allora, però, oggi sono praticamente triplicati i tamponi fatti, 2.758 contro 968. I casi attivi sono 904 (+45) mentre quelli da inizio pandemia 2.589 a fronte di 233.393 tamponi fatti su 231.287 soggetti. I guariti sono 1.581 (+57). Crescono anche i ricoverati in terapia intensiva, da 3 a 4 mentre il numero dei ricoverati nei reparti di malattie infettive resta stabile a 51. Le persone in isolamento domiciliare sono 849 (+44). Le vittime sono 104. I casi confermati oggi sono suddivisi a Cosenza 19, Catanzaro 22, Vibo Valentia 3, Reggio Calabria 56. Zone rosse, in vigore dalle ore 17 di oggi, sono state istituite a Sant'Eufemia d'Aspromonte, nel reggino, e per Torre di Ruggiero, nel catanzarese. Lo ha deciso con proprie ordinanze Nino Spirlì, che da ieri è presidente facente funzioni della Regione dopo la morte della governatrice Jole Santelli.

A Sant'Eufemia d'Aspromonte è stato confermato il contagio di 20 soggetti ed a Torre di Ruggiero 14 positivi. Le scuole di ogni ordine e grado di Sersale resteranno chiuse oggi e domani a causa della positività al Covid-19 di quattro persone che si aggiungono ad un residente risultato positivo nei giorni scorsi. Due casi di coronavirus sono stati accertati tra i dipendenti dell'amministrazione dell'Azienda Ospedaliera di Cosenza, su 150 tamponi eseguiti. Intanto anche all'Università della Calabria si registrano quattro casi di positività al Covid. I contagi riguardano due studenti della provincia di Cosenza e due da altre province. Nel Vibonese, una persona poi risultata positiva, è stata al comune di Zambrone. Per ragioni cautelative, oggi il Municipio sarà sanificato e rimarrà chiuso fino a lunedì prossimo.

 

Basilicata

Record di contagi in un giorno per la Basilicata: sono 74 i nuovi casi di coronavirus segnalati dalla task force regionale su un totale di 1.116 tamponi analizzati ieri. Nel bollettino di aggiornamento, è inoltre sottolineato che 17 casi riguardano cittadini pugliesi. E ieri è morta un'altra persona (si tratta della 38/a vittima in regione dall'inizio dell'epidemia) che, come altri sette anziani, era ospite di una casa di riposo di Marsicoverere (Potenza), posta sotto sequestro dai Carabinieri lo scorso 2 ottobre. Attualmente, le persone residenti in Basilicata positive sono 482 (nell'ultimo aggiornamento erano 438) e 37 (rispetto alle 36 di 24 ore prima) sono quelle ricoverate negli ospedali di Potenza e di Matera (nessuna in terapia intensiva). Dall'inizio dell'emergenza sanitaria in Basilicata, 469 persone sono guarite e sono stati esaminati 86.551 tamponi, 85.325 dei quali sono risultati negativi.

 

Valle d'Aosta

Sono 382, 22 più di ieri, i casi di persone positive al Covid in Valle d'Aosta. Di questi 13 sono ricoverati in ospedale, di cui 4 in terapia intensiva, e 365 in isolamento domiciliare. Il totale dei positivi da inizio epidemia è di 1660 perone, i guariti sono, invece, 1129. Il totale dei tamponi ad oggi effettuati è di 31.618. Lo rende noto il bollettino di aggiornamento della Regione in cui si precisa che in Valle d'Aosta l'indice R (t) relativo al contagio Covid 19 risulta ad oggi pari a 1.53. Il periodo di riferimento del dato è la settimana dal 5 all'11 ottobre.

Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 06:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA