Covid, in Germania nuovo record di casi: 52mila in 24 ore. Merkel: «Situazione drammatica»

Cresce ancora l'incidenza settimanale per 100mila abitanti, con 319,5 casi contro i 312,4 di ieri

Mercoledì 17 Novembre 2021
Nuovo record di casi Germania: oltre 52mila in 24 ore. E i L änder chiudono ai non vaccinati

Il Covid non dà tregua alla Germania. Nelle ultime 24 ore è stato registrato un nuovo record di casi: 52.826, mai erano stati così tanti in un giorno. I morti invece sono stati 294. Il totale dei contagiati da inizio pandemia sale così a 5.129.950, quello dei morti a 98.274. Cresce ancora l'incidenza settimanale per 100mila abitanti, con 319,5 casi contro i 312,4 di ieri. I casi attivi sono attualmente 490.800, 27.700 in più rispetto al giorno precedente. Circa 4.540.900 persone sono guarite dalla malattia, 24.800 delle quali dimesse nelle ultime 24 ore.

 

Merkel, situazione drammatica

«La situazione pandemica in Germania è drammatica». Lo ha detto Angela Merkel, parlando alla conferenza delle città. Per il virus è «del tutto indifferente» che il Paese abbia un governo reggente o nel pieno delle sue funzioni, ha aggiunto. «Anche il numero di morti è spaventoso», ha detto, sottolineando che il numero dei pazienti nelle terapie intensive sale rapidamente.

 

Covid Austria, boom di decessi in ospedale: «Morti parcheggiati nei corridoi»

Covid, la quarta ondata spinge i Paesi europei verso nuove restrizioni

 

I Länder chiudono ai non vaccinati

In Germania sempre più Lander escludono i non vaccinati da ristoranti, bar locali ed eventi culturali. Il cosiddetto modello 2G (il Green pass limitato ai vaccinati ed ai guariti, escludendo i tamponi) si sta estendendo a macchia d'olio alla luce dei numeri della pandemia. Oltre a Berlino, che lo ha introdotto lunedì, e alla Sassonia, che ha fatto da battistrada e ieri ha annunciato di voler irrigidire ulteriormente le misure, la stretta per i No vax è entrato in vigore in Baviera, scatterà oggi in Baden-Wuerttemberg, sabato ad Amburgo, ed è stato annunciato anche nel Nordreno-Vestfalia per la settimana prossima. La situazione resta particolarmente grave in Sassonia (dove l'indice settimanale è schizzato a 759,3), in Turingia e Baviera, dove resta sopra i 500, e gli amministratori regionali hanno ripetutamente avvertito che il sistema sanitario è quasi al limite.

 

 

La Sassonia ha deciso per questo di estendere il 2G anche ai negozi al dettaglio, escludendo soltanto supermercati e drogherie. Intanto continua il dibattito sui vaccini: attualmente ha una copertura completa il 67,6% della popolazione, mentre il 70,1% ha avuto la prima dose. Quattro milioni di persone si sono sottoposti al richiamo. Stando a un sondaggio del Forsa la maggioranza dei tedeschi sarebbe favorevole a rendere obbligatorio il vaccino anti Covid in modo generalizzato. I socialdemocratici hanno invece segnalato oggi di essere favorevoli all'imposizione per alcune categorie, come nel caso del personale sanitario delle case di cura, e dei dipendenti degli asili infantili.

 

 

 

Monaco cancella mercatini di Natale

E il virus cambia anche le tradizioni: quest'anno niente mercatini di Natale a Monaco di Baviera. Lo ha deciso il sindaco Dieter Reiter, spiegando che «l'obiettivo ora deve essere evitare il più possibile le folle» per cercare di contenere la diffusione del coronavirus. Certo, «è una notizia amara per tutti i monacensi e soprattutto per gli ambulanti», ha detto Reiter. «Ma la drammatica situazione nelle nostre cliniche e il numero esponenziale dei contagi in aumento non mi lasciano altra scelta: purtroppo quest'anno il mercatino di Natale di Monaco non può svolgersi», ha dichiarato. Permettere che la tradizionale manifestazione si svolga come in epoca pre pandemia «sarebbe un aumento irresponsabile del rischio di infezione e, per di più, un segnale sbagliato. Soprattutto per tutti i dipendenti delle nostre cliniche che lavorano in condizioni al limite».

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA