Covid Francia, nuova variante causa inspiegabili focolai locali: è impennata di contagi

Giovedì 21 Gennaio 2021
Covid Francia, nuova variante causa inspiegabili focolai locali: è impennata di contagi

Il ministro della sanità in Francia sconsiglia l'uso delle mascherine di stoffa per proteggersi meglio dalle nuove e più aggressive varianti virali mentre splodono in modo esponenziale in alcune zone del paese «Fiammate» locali di contagi che alimentano negli ultimi giorni l'ipotesi di una nuova variante sconosciuta del Covid-19, più contagiosa di quelle osservate finora in Francia. Nell'ospedale di Compiègne, nell'Oise, a nord di Parigi , sono 172 i casi risultati positivi al Covid-19 nella giornata di mercoledì. Analogo fenomeno è stato registrato nel sud-ovest, nel centro e nell'est dove in diversi ospedali si registra una media di contagi molto più alta di quella nazionale.

 

Coronavirus Italia, bollettino: oggi 14.078 contagi e 521 morti. Tasso positività sale al 5,2%

 

Nell'ospedale di Compiègne, oltre ai degenti, si sono contagiati 75 membri del personale, medico e paramedico, portando il totale dei contagi a cifre toccate soltanto nella prima ondata. La direttrice dell'ospedale, Catherine Latger, ha detto alla radio Europe 1 che «la variante inglese non è stata individuata» nelle analisi dei contagiati: «Abbiamo chiesto nuove analisi per verificare la presenza di nuove varianti non identificate», ha aggiunto. 

«Per liberare tempo agli infermieri di terapia intensiva per prendersi cura dei pazienti Covid +, è stato necessario deprogrammare parte dell'attività chirurgica», spiega il sito dell'ospedale. Il numero di posti letto è stato ridotto per due settimane «per gestire il ciclo di contaminazione da otto a quindici giorni» , e sono stati riorganizzati i settori "Covid" e "non Covid", specifica ancora Franceinfo.

 

 

Nel 2020 in Francia la più alta mortalità della sua storia recente

 

Nef frattempo la Francia ha registrato, come riporta il Le Monde, nel 2020 la mortalità più alta nella sua storia recente, secondo i dati pubblicati venerdì 15 gennaio dall'Istituto nazionale di statistica e studi economici (Insee). Nel complesso dell'anno sono stati registrati quasi 667.400 decessi, il 9% in più rispetto al 2018 o al 2019.

In dettaglio, l'eccesso di mortalità è noto durante ciascuno dei due picchi dell'epidemia di Covid-19, in primavera e in autunno. «Per numero di morti, i mesi di marzo e aprile 2020 sono molto più alti rispetto agli anni precedenti» , spiega la World Sylvie Minez, responsabile degli studi demografici all'INSEE, mentre per la seconda ondata epidemica «settembre è stato leggermente sopra, ottobre ancora di più, ed è molto chiaro per novembre, rispetto agli ultimi cinque anni o all'anno 2019».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA