Ictus, un maggiore consumo di alcol aumenta il rischio del 27%

Mercoledì 6 Maggio 2020
Ictus, un maggiore consumo di alcol aumenta il rischio del 27%

Un maggiore consumo di alcol aumenta il rischio di ictus o di sviluppo della malattia dell'arteria periferica. È quanto emerge da una ricerca realizzata dalle Università di Uppsala e Cambridge e pubblicata su Circulation: Genomic e Precision Medicine, una rivista dell'American Hearth Association. I ricercatori hanno usato una tecnica chiamata randomizzazione mendeliana, un metodo che identifica varianti genetiche e che li associa a potenziali fattori di rischio.

Coronavirus, alto rischio di ictus nei giovani: preoccupa studio del Policlinico di New York

Studiando i dati della Biobank britannica (che segue 500mila residenti nel Regno Unito) è stato notato come un consumo elevato di alcol porta a un aumento tre volte maggiore del rischio di avere la malattia delle arterie periferiche (un restringimento delle arterie che provoca una riduzione del flusso sanguigno, di solito alle gambe) e un aumento del 27% dell'incidenza di ictus. Gli studiosi, inoltre, hanno trovato alcune prove per un'associazione legata anche alla malattia coronarica, alla fibrillazione atriale e all'aneurisma dell'aorta.

Coronavirus, passata la paura ora i romani ritornano al pronto soccorso: aumentati gli accessi

«L'aumento del consumo di alcol è una causa nota di morte e disabilità, ma in precedenza non era chiaro se il consumo di alcol fosse anche una causa di malattie cardiovascolari. - spiega Susanna Larsson, ricercatrice dell'Università di Uppsala che ha partecipato allo studio - Considerando che molte persone consumano alcol regolarmente, è importante sciogliere qualsiasi dubbio sul rischio o beneficio».

Sportivi si nasce, ecco il gene chiave per le performance atletiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci