Genitori che controllano i figli: ecco l'app che blocca il cellulare anche quando siete fuori casa

PER APPROFONDIRE: google family link
Genitori che controllano i figli: ecco l'app che blocca il cellulare anche quando siete fuori casa

di Veronica Cursi

Mamma e papà sono usciti. Programma del pomeriggio: passare le prossime ore sul divano a giocare a Fortnite. Cellulare incandescente, siete pronti per l’ennesima partita, quando improvvisamente l’Iphone si blocca. Corto circuito? E’ impazzito il wi-fi? Niente affatto: vostra madre - da fuori casa - vi ha semplicemente disattivato il cellulare. Voi magari non ve eravate nemmeno accorti quando “la diabolica” ha scaricato un’app sul vostro telefonino. Quella che gli adolescenti hanno ribattezzato “l’applicazione del demonio”, ma che in realtà si chiama “Google Family Link” ed è una delle più scaricate degli ultimi mesi. Permette ai genitori di controllare quotidianamente l’attività digitale dei figli anche quando non sono con loro.

Tuo figlio usa il tuo cellulare? Attenta mamma, il rischio è di perdere tanti soldi

Possono sapere quante ore passano a cellulare o Ipad, cosa guardano e dove sono. L'app permette di bloccare il download di una applicazione e consente di scaricare a distanza, sul cellulare del ragazzo, le app consigliate dagli insegnanti. Ma soprattutto, ed è questa la cosa che preoccupa maggiormente i ragazzi, i genitori possono decidere il tempo in cui si può utilizzare lo smartphone, bloccandolo, per esempio, quando è ora di andare a dormire. Gli adolescenti, fanno sapere da Google, hanno la possibilità di interrompere la supervisione in qualsiasi momento, ma se lo fanno mamma e papà vengono informati e i loro dispositivi vengono temporaneamente bloccati e resi inutilizzabili.  Genitori 1, figli 0.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 25 Ottobre 2019, 00:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Genitori che controllano i figli: ecco l'app che blocca il cellulare anche quando siete fuori casa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti