Regeni abbraccia Zaki: «Stavolta andrà tutto bene» Murale di Laika a Villa Ada

Martedì 11 Febbraio 2020
Regeni abbraccia Zaki: «Stavolta andrà tutto bene»
Murale di Laika a Villa Ada

«Stavolta andrà tutto bene». La scorsa notte a Roma in via Salaria, sul muro che circonda Villa Ada, a pochi passi dell'Ambasciata d'Egitto, è apparsa l'ultima opera della street artist Laika che ritrae Giulio Regeni che abbraccia lo studente arrestato in Egitto Patrick Zaki, con indosso una divisa da carcerato.

Regeni, nuove accuse della madre: «Torture sapute dai media». Il legale della famiglia: «Giulio non è stato ucciso per la sua ricerca»

Giulio Regeni, almeno quattro depistaggi dei servizi egiziani sulla morte del ricercatore

Davanti alle due figure campeggia la parola «Libertà» scritta in lingua araba. Nell'opera, Regeni rassicura Zaki, dicendogli: «Stavolta andrà tutto bene». Poi la scritta in arabo «libertà». Il giovane dottorando dell'università di Cambridge, ucciso all'inizio del 2016, si rivolge con queste parole a Patrick George Zaki, ricercatore dell'Alma Mater di Bologna, noto per il suo impegno nel campo dei diritti umani e Lgbt, arrestato venerdì scorso mentre si trovava in Egitto e, stando a quanto riferito dal suo avvocato, «sottoposto a torture da parte della polizia egiziana».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci