Roma, 13enne suicida. Una mamma: «Mia figlia come lei: le bulle le dicevano tagliati le vene»

Sabato 12 Giugno 2021 di Alessia Marani
Roma, 13enne suicida. Una mamma: «Mia figlia come lei: le bulle le dicevano tagliati le vene»

«Quello che è accaduto a Laura (è un nome di fantasia, ndr) poteva succedere anche a mia figlia e al posto di quella madre a piangere, ora, ci sarei stata io». La donna che parla, genitore di un'altra adolescente che frequenta la stessa scuola media della tredicenne che domenica sera si è tolta la vita a Torpignattara, non si dà pace. Anche sua figlia ha vissuto lo stesso incubo e le stesse dinamiche di bullismo che si sono scatenate contro la tredicenne suicida, una bambina che male viveva la trasformazione del suo corpo in quello di una donna e che aveva chiesto alle amiche e agli amichetti di essere chiamata Charlie, un nome neutro, né di maschio, né di femmina. Ieri per salutarla, al funerale, sono stati fatti volare in cielo palloncini colorati e ai piedi della sua bara bianca, in chiesa, è stata appoggiata una corona di fiori arcobaleno, a formare la «bandiera della libertà», simbolo della lotta alle discriminazioni sessuali. Insomma, quello di Laura non sarebbe stato un caso isolato. Anzi. «A dicembre chiesi ripetutamente, e alla fine ottenni, un colloquio con la preside - spiega la donna - e le dissi quello che stava succedendo a mia figlia: gruppi di bulle e bulli l'aspettavano per le scale della scuola, le gridavano insulti sessisti irripetibili e sui muri apparvero scritte omofobe. Le veniva detto, testualmente: Tagliati le vene, ammazzati e mia figlia aveva cominciato a mettere in atto comportamenti autolesionisti, proprio come aveva iniziato a fare Laura. L'unico risultato? Vennero subito cancellate quelle scritte, poi il silenzio. Nessun provvedimento preso, né per porre un freno al fenomeno, né per responsabilizzare studenti e famiglie ad atteggiamenti diversi e consapevoli nei confronti di chi è diverso».

Roma, ragazza suicida a scuola: offese sull'identità sessuale dietro il gesto estremo

Roma, suicida a 13 anni, la mamma: «Le compagne contro di lei, presa di mira anche sui social»


«UNA SCONFITTA»
Questa mamma spiega anche che «fortunatamente in casa abbiamo una situazione che ci ha permesso di aiutare mia figlia privatamente, coinvolgendola in un percorso di autoconsapevolezza e di rafforzamento dei propri strumenti di difesa psicologica. In più l'abbiamo convinta a bloccare anche tutti i contatti social, chat e profili con chi l'aveva presa di mira». Per la signora «le stesse dinamiche possono avere colpito Laura, la cui mamma ha cercato di fare tutto quello che poteva, da sola e per le sue possibilità, per aiutarla, ma è stata lasciata sola». La donna ha bene in mente la ragazzina suicida, che a scuola brillava per avere quasi tutti 9 in pagella ed eccelleva nella scrittura. «Laura era un grande talento, aveva una grande energia creativa, non era omologata né omologabile e per questo pativa. Quel suo talento sarebbe stato il suo passepartout per un futuro di riscatto. La sua morte è una sconfitta per tutti e per la scuola».

Ultimo aggiornamento: 06:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA