Roma, presi i rapinatori che assaltarono le Poste a Casal Bruciato: armati di pistola tennero in ostaggio una cliente

Lunedì 11 Ottobre 2021
Uno dei rapinatori in azione nell'ufficio postale di Casal Bruciato

Sono entrati nell’ufficio postale a volto coperto con mascherine e senza perdere tempo hanno preso in ostaggio una cliente sotto la minaccia di una pistola. Subito dopo hanno preso il contante da due casse (poco più di mille euro) e sono fuggiti. All’esterno un complice ad attenderli. Attimi di panico immortalati dalle immagini video, della rapina alle Poste di Casal Bruciato con i ladri in azione. Da questa mattina è scattata un’operazione antirapina da parte della Squadra mobile della Questura - Sezione Reati contro il Patrimonio - in collaborazione con il Commissariato di Sant’Ippolito, che interviene all’esito di una complessa attività investigativa, coordinata dalla Procura.

Due le misure di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip, a seguito di un’approfondita ricostruzione della dinamica di un’efferata rapina, avvenuta nella mattinata dello scorso 10 settembre, ai danni di un’Agenzia delle Poste nella zona est di Roma. In particolare, come documentato anche dai filmati del sistema di video sorveglianza dell’ufficio postale, una volta entrati dalla porta d’ingresso con il volto parzialmente travisato da mascherina ed occhiali scuri, uno dei due rapinatori ha tenuto in ostaggio una cliente dietro la minaccia di una pistola, mentre il complice scavalcava il bancone, impossessandosi di denaro contante dall’interno di due casse. Le complesse indagini degli agenti del commissariato Sant’Ippolito, condotte anche attraverso attività tecnico-scientifiche, hanno consentito di individuare in due romani, un 58enne e un 40enne con numerosi precedenti di polizia specifici i soggetti gravemente indiziati di aver commesso la rapina, nonchè di indagare a piede libero un terzo soggetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA