​Quel simbolo dell’incuria che affligge la Capitale

PER APPROFONDIRE: graldi, incuria, roma
​Quel simbolo dell’incuria che affligge la Capitale

di Paolo Graldi

Una buona notizia, finalmente. La sindaca Raggi è infuriata. Si capiscono i perché. Lo schiaffone giudiziario che ha portato in carcere Marcello De Vito, subito defenestrato dal M5S, ha aperto i giorni dell’ira. Poi lo schiaffo a Frongia, indiziato per corruzione, e immediate dimissioni da assessore, (il nono) ha scatenato una rabbia incontenibile. Ma c’è di più. Si è fatto davvero pesante il rapporto con i cittadini, delusi, imbufaliti, al limite della rivolta. Sotto accusa, buche a parte, il trasporto e i suoi accessori. Tra questi ultimi le scale mobili della Metro A. Si scassano spesso e pazienza. Il guaio è che non le riparano. Quella di piazza della Repubblica, al centro che più centro non si può, è ferma da 5 mesi e si aspettano i pezzi di ricambio. A piazza Barberini, l’altra sera, è andata in tilt una rampa: disagi e maledizioni, poi riparata a metà, anche qui in attesa dei ricambi. La congiunzione astrale della quale si vantava De Vito, pensando alle mazzette da incassare e da spendere, si sta rivelando uno tsunami per l’intera amministrazione che inciampa di continuo sulla propria inadeguatezza. E così le scale mobili che hanno portato in fretta in Campidoglio la Raggi e gli amici del bar si sono accartocciate rovinosamente e si trasformano in una metafora che narra di ambiziosi allo sbaraglio. Scandali con manette su onestà solo sbandierate e gestione degli ingranaggi deficitaria hanno fermato la scala mobile del potere capitolino. Purtroppo, l’ira non vale più una lira.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 23 Marzo 2019, 00:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​Quel simbolo dell’incuria che affligge la Capitale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti