Pamela Mastropietro, chiesti sei anni per l'ex fidanzato pusher: «La fece drogare»

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Adelaide Pierucci

Per Pamela Mastropietro l'anticamera dell'inferno si è aperta sotto casa, a Piazza Re di Roma, diversi mesi prima che la 18enne romana nel gennaio del 2018 venisse ritrovata nelle due valigie a Macerata. È nella piazza nel cuore di San Giovanni che Pamela, sedicenne e piena di insicurezze, aveva incontrato il suo primo amore, un diciannovenne romeno che l'ha trascinata nella droga, che l'ha manipolata, tentando persino di indurla a concedersi ad un pusher per qualche dose. Un'occasione che non si è verificata solo grazie al fermo rifiuto di Pamela. Ieri per Andrei Claudiu Nitu quel fidanzato poi arrestato per aver compiuto sette rapine ai danni di altrettanti ragazzini, la procura di Roma ha chiesto la condanna, in abbreviato, a sei anni e sei mesi per cessione di sostanze stupefacenti, induzione alla prostituzione e circonvenzione di incapace. È Nitu che offre le prime dosi a Pamela, dal settembre del 2016. È sempre lui che le chiede di avere delle intimità con un fornitore di eroina. O che, approfittando del disturbo borderline della personalità, la spinge a sottrarre beni in casa, per venderli e racimolare i soldi per la droga. Pamela non era una ragazzina come le altre. E lui lo sapeva. Aveva un disturbo che la rendeva più vulnerabile. E anche se coltivava il sogno di fare la criminologa, a scuola doveva superare mille difficoltà.

Pamela Mastropietro, il Comune ha deciso: sarà sepolta al Verano

Pamela Mastropietro, sul cadavere scempio bestiale: «Uccisa dopo averla stuprata»
 

 

LE INDAGINI
Alla famiglia però non sfugge l'influsso del fidanzato con l'aria da bullo. La mamma lo denuncia al commissariato e partono le indagini. Pamela è monitorata, lui identificato. Il caso sbarca anche a piazzale Clodio, sul tavolo del pm Daniela Cento. Ma per la ragazzina di San Giovanni è tardi. È già partita la trafila del Sert e poi della comunità che la condurrà fino a Corridonia, a Macerata. Di una comunità su misura per lei, definita appunto a doppio binario, che la possa assistere a livello psicologico, psichiatrico e sotto il profilo della dipendenza. Il resto è purtroppo storia nota. Pamela si allontana e in preda all'astinenza conosce altri brutti ceffi, uno è il pusher nigeriano Innocent Oseghale, condannato poi all'ergastolo.
«La richiesta di condanna di oggi, avanzata dalla Procura di Roma, nei confronti del Nitu per tutti i fatti a lui contestati, è stato un altro passo importante verso la giustizia», ha commentato per la famiglia di Pamela l'avvocato Marco Valerio Verni, «certo, ora attendiamo la sentenza, che conosceremo alla prossima udienza, alla quale il giudice ha rinviato per eventuali repliche. Ma siamo fiduciosi. Abbiamo assistito da parte della procura a una discussione di cuore, e non solo di diritto, che a messo al centro Pamela con molta umanità». Il pm di aula Maria Teresa Gerace ha parlato della fiducia che Pamela aveva riservato nel fidanzato. Inseparabili come spesso succede a quell'età. Solo che lui fa uso di droghe e spinge anche lei. Nelle sigarette mette eroina. E Pamela ne diventa dipendente. La madre e il padre di lei tentano di farle invertire la rotta, di spingerla a lasciare quel ragazzo che si presentava di continuo sotto casa per portarla via.
Da qui liti con i familiari, fughe continue, ma anche riappacificazioni e un po' di speranza per il futuro, stroncata nell'attico di Macerata. Nitu, che si spacciava per pugile, con tatuaggi sulla nuca e sul dorso delle mani, nel settembre 2017 finisce in manette per rapina, prosegue la sua vita. Dopo l'arresto per sette rapine a ragazzini messe a segno nel luglio precedente con coltelli e minacce dalle parti di piazza Re di Roma sta scontando i domiciliari. A breve però potrebbe dover rispondere anche di aver approfittato dell'insicurezza di Pamela «affetta come precisato dai magistrati da disturbo dell'uso di sostanze stupefacenti in un contesto di disturbo borderline della personalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA